Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Aforismi

Francesco Barbagallo

La nuova criminalità organizzata

Documenti correlati

Io non credo che per quanto riguarda la camorra sia possibile di parlare di una continuità tra questi due fenomeni storici, e certamente la camorra che si oppone alla politica di Silvio Spaventa a Napoli, è una criminalità che ha già legami stretti con la politica e che si fa valere nella società ottocentesca. Però io credo che la criminalità ottocentesca soprattutto a Napoli e in Campania, rimanga in condizioni di complessiva marginalità sociale, a differenza della mafia siciliana che ha sempre avuto un ruolo di rilievo nella società siciliana, la camorra cambia profondamente volto negli anni '70, e diventa una emanazione di Cosa nostra, nel momento in cui entra nel grande traffico internazionale degli stupefacenti. Questo è il salto di qualità della criminalità organizzata nel Mezzogiorno d'Italia, l'inserimento in posti di rilievo nel traffico internazionale degli stupefacenti consente alla criminalità organizzata meridionale l'acquisizione di capitali enormi che può investire liberamente nel mercato legale, questa è la caratteristica specifica della criminalità organizzata in Italia che ne fa la forza particolare, il potere particolare, l'incidenza particolare sull'intera società nazionale, perché negli altri paesi capitalistici avanzati a partire dagli Stati Uniti d'America non c'è questa facilità di interazione, di passaggio dal mercato illegale al mercato legale. I gruppi criminali americani operano nei settori illeciti: nella droga, nel gioco, nella prostituzione, nell'estorsione, ma hanno grandi difficoltà a spostare i capitali acquisiti in questi mercati illeciti nel mercato legale; è molto raro che un criminale possa accedere a Wall Street, possa accedere ai luoghi del mercato finanziario capitalistico americano, perché ci sono tutta una serie di forme legislative e controlli governativi che impediscono questa connessione, purtroppo nel nostro paese non si è riusciti ad impedire con una legislazione adeguata e con un'attuazione di una legislazione che in parte è stata avviata con la legge Rognoni-La Torre contro la mafia e la criminalità organizzata, non si è riusciti a impedire questa possibilità della criminalità di investire i capitali acquisiti con la droga soprattutto che sono capitali enormi, di investirli nelle attività legali. Questo con la capacità evidentemente di mettere fuori mercato come si dice, le imprese che operano solo nella legalità, perché una criminalità che ha a disposizione capitali enormi dal traffico della droga, può ottenere appalti pubblici a costi inferiori, a prezzi più bassi di quanto non possano fare imprese legali perché l'interesse della criminalità è quella innanzitutto del riciclaggio, quindi possono ottenere profitti minori nel mercato legale che comunque vanno aggiunti ai profitti enormi che ottengono nel mercato illegale, e quindi fare una concorrenza impropria e illecita alle imprese che operano invece onestamente sul mercato. Questo è un fenomeno che è stato denunciato ripetutamente nel nostro paese, dalla Banca d'Italia che viene denunciata da tutti gli organismi di controllo a partire dalla Corte dei Conti, ma purtroppo fino ad oggi questa battaglia contro la mafia e la criminalità non ha avuto i stessi effetti che ebbe negli anni passati la lotta contro i vari terrorismi, e c'è da domandarsi perché questo non sia avvenuto e perché non avvenga.

 

Tratto dall’intervista La questione meridionale, Napoli- Università "Federico II",  9 dicembre 1991


Biografia di Francesco Barbagallo

Leggi l'intervista da cui è stato tratto questo aforisma

Tutti i diritti riservati