Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Aforismi

Louis Althusser

L'anarchismo sociale

Documenti correlati


Lenin diceva che tra gli anarchici e i marxisti vi erano nove decimi di identità e un solo decimo di differenza. Il fatto è che i comunisti volevano l'estinzione dello Stato e gli anarchici il suo abbattimento immediato, sei d'accordo?

Althusser: Sì, su tutto. Cioè io sono anarchista, sociale, mentre non sono comunista, perché l'anarchismo sociale è al di là del comunismo.

Perché si è spezzata questa unione culturale, fra l'anarchismo e il comunismo che pure esisteva alla fine del XIX secolo?

Althusser: Oh, sì, è una storia molto drammatica, sono i rapporti tra Marx e Bakunin, è la storia in cui la personalità di Marx, la personalità negativa di Marx ha giocato un ruolo prepotente: è una storia terribile.

Secondo te è rimasto qualcosa di questo spirito anarchico nei movimenti comunisti?

Althusser: Ah, sì meno male, meno male che siamo, non tutti, ma che siamo anarchisti, meno male, perché l'anarchismo è la verità, dico l'anarchismo sociale, non l'egoismo.

Ma non pensi che ci sia stata una diminuizione di interessi verso queste forme di libertà all'interno del movimento comunista? Cioè in qualche modo c'è stata una diminuizione di interesse proprio verso questi valori?

Althusser: Sì, naturalmente, a partire, partendo dal fatto che nell'Internazionale '64, no, dopo 1964 c'è stata una grande battaglia contro gli anarchisti, guadagnata da Marx e dai suoi amici in condizioni veramente terribili, terribili; voglio dire che Marx ha trattato gli anarchisti in un modo impossibile, ingiusto. Allora, questo ti dà un risentimento di massa che tu non puoi riassorbire, così da un giorno all'altro. Ci sono delle cose che durano nella testa. Quando tu sei stato trattato male da un altro, devi essere il Cristo per perdonare, tu puoi perdonare per te stesso, non puoi perdonare per gli altri, capisci. Quando tu fai violenza alla gente così, quando non hai il rispetto della gente così come ha fatto Marx con Bakunin, Bakunin era un po' pazzo, ma cosa c'entra? Dei pazzi ne abbiamo un sacco, anch'io sono pazzo!
Tu devi dare un'altra definizione dello Stato, non tenerti alla definizione classica che Marx ha dato, perché Marx dello Stato non capiva niente, dello Stato, Marx, non ha capito niente. Sì, ha capito che era uno strumento a disposizione della classe dominante, questo è giusto, ma sul funzionamento dello Stato, diciamo sullo spazio dello Stato non ha capito niente.

A proposito di questa analisi della realtà, che valore attribuisci a certi sintomi, come la rinascita del liberismo oppure la sfiducia dei partiti all'interno della democrazia rappresentativa così come c'è in Italia o in Francia?

Althusser: Gli attribuisco un ruolo piuttosto positivo, però molto pericoloso, perché può finire nel qualunquismo. Ma questa resistenza ai partiti, alla politica fatta dai partiti può essere concepita e anche pensata come modo di resistenza a una pratica politica che è nella merda, che è merda, capisci. E in questo senso, questo movimento di cui tu parli ha un senso positivo, molto positivo.

Tu dici che può spingere anche verso forme di democrazia più sostanziale?

Althusser: Naturalmente, naturalmente, quando ti parlo, quando ti ho detto che ero anarchista, sociale, anarchico sociale, questo movimento va in questo senso; tutto ciò che sviluppa l'anarchismo sociale è buono.

E quindi, a questo proposito, qual è il tuo metodo di lavoro e di studio?

Althusser: Tento di fare ciò che mi sembra la cosa più importante di tutte le cose, direi la parola d'ordine numero uno: cambiare di pensiero. Cambiare il modo di pensare e poi, in seguito, cambiare il modo di agire, vuol dire cambiare il modo di organizzare, di mobilitare, di far capire le cose, di far agire la gente, di organizzare l'azione, sindacale, politica, ecc. ecc.

Senti, questo vuol dire anche cambiare il modo di fare politica, che cos'è la politica?

Althusser: La politica, che cos'è la politica? E' agire per la libertà e l'uguaglianza

Che vuol dire saper fare politica, per esempio?

Vuol dire essere cosciente del rapporto reale che esiste fra gli uomini che hanno delle idee sulla politica e gli altri.


Biografia di Louis Althusser

Leggi l'intervista da cui è stato tratto questo aforisma

Aforismi dello stesso autore

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati