Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Cittą del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Aforismi

Emilio Garroni

La definizione di arte

Documenti correlati

L'Estetica è nata come riflessione filosofica nel Settecento, sia pure nelle forme più strane qual era la filosofia del Settecento, cioè tra saggio e trattato, ma è nata essenzialmente come riflessione e non come sapere; anzi tutti i più grandi studiosi che si sono occupati di Estetica nel secolo XVIII non hanno mai fatto teoria dell'Arte, hanno cercato invece di comprendere che cos'era questo fenomeno, che allora sembrava antichissimo e che tuttavia in qualche modo nasceva allora e precisamente l'arte anzi, l'arte bella, si diceva.

***

Anche la parola bellezza è una parola strana, polisemica: Platone nel dialogo dell'Ippia Maggiore parla di bellezza, discute su che cosa sia la bellezza riferendosi agli oggetti più diversi, riferendosi a un vaso, a una bella ragazza, a una bella poesia e così via; anche la parola arte ha un simile carattere polisemico. Lei sa benissimo che arte originariamente significa semplicemente un sapere unito ad abilità, volto alla produzione di oggetti o di comportamenti o di eventi, quali che essi siano; ancora oggi noi usiamo la parola arte in questo senso che è però decisamente di frequenza più bassa rispetto al senso estetico moderno.

Oggi se una persona dice arte tutti intendono arte in senso estetico moderno: questo è esattamente il contrario di ciò che invece accadeva cinquecento, seicento o settecento anni fa. Quindi allora intreccio di somiglianze e differenze: sembra una soluzione facile, sembra risolvere il problema se l'arte sia sempre esistita e dappertutto oppure invece cominci ad esistere soltanto ad un certo momento; sì, per un certo verso lo risolve ma crea un'altra difficoltà, una difficoltà forse ancora più forte, perché, in tanto si può parlare di un intreccio di somiglianze e differenze che precede la formazione della riflessione estetica e quindi del sistema delle belle arti, in quanto si costituisce precisamente questo senso delle belle arti, si coagulano queste attività che hanno queste somiglianze e differenze, si possono riconoscere quindi queste somiglianze e differenze; c'è in qualche modo un circolo, è un circolo inevitabile.

Il secolo diciottesimo vive questo circolo con assoluta normalità, non coglie il problema che questo circolo pone, cioè il problema tra estetica e arte, tra opera d'arte ed arte in generale; lo vive pragmaticamente, lo vive sulla base di un accordo pragmatico per cui queste diverse attività vengono sentite come similari e come tali da poter essere accorpate, senza tuttavia che se ne dia una definizione; non esiste un serio estetico settecentesco che dia una definizione di belle arti. Perché non esiste? Perché le belle arti si distinguono dalle arti in generale o dalle arti meccaniche, questo anche presso gli enciclopedisti che pure sono responsabili di una rivalutazione della pratica rispetto alla teoria che è di grande momento, possono essere chiamati dei paleopragmatisti insomma, non viene prima la conoscenza viene prima l'avere a che fare con le cose, il produrre e poi la conoscenza, perfino gli enciclopedisti, dicevo, quando parlano delle belle arti dicono che le belle arti non sono definibili in modo esauriente attraverso le regole dell'arte e l'abilità richiesta per l'applicazione di queste regole; c'è qualche cosa di diverso che interviene in certe produzioni: questo qualcosa di diverso è una parola nel Settecento molto comune, e viene chiamata genio.

Genio che cosa significa? Significa un certo talento, una certa originalità dell'operatore, che produce l'opera, sì certo, attraverso anche un certo sapere, una certa abilità, tutto questo è fuori discussione per chiunque, ma anche aggiungendoci qualche cosa che non può essere ridotto a regole; e così si costituisce la nozione di arte bella, di arti belle come qualche cosa precisamente di non definibile rigorosamente.

Roma, DSE, 1 dicembre 1993


Biografia di Emilio Garroni

Leggi l'intervista da cui è stato tratto questo aforisma

Aforismi dello stesso autore

Partecipa al forum "I pensatori moderni"

Tutti i diritti riservati