Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Aforismi

Franco Fortini

Che cos'e' la poesia?

Documenti correlati

Nel parlare comune, "poesia" significa due cose: per un verso è un discorso, o ragionamento, o comunicazione, in cui prevalgono elementi di ritmo, cadenze, ripetizioni, immagini che alterano i significati immediati delle parole e che gli conferiscono anche significati interiori. Poi c'è un altro significato: quando noi diciamo: "questa è poesia", intendiamo dire qualcosa di elevato e di nobile, di rassicurante o di commovente o di rasserenante, di vivace, pungente, ecc.
Una poesia breve, di versi molto ritmati, molto connessi da assonanze o da omofonie, che cosa presenta prima di tutto? Presenta proprio la propria dimensione fonica o ritmica. Ecco per esempio alcuni versi di Marino Moretti:

"Lenta lenta lenta va
nei canali l'acqua verde
e co' suoi cigni si perde
nella grigia immensità
Oh dolcezza del mio cuore
dei miei sensi un poco stanchi!
Vanno i cigni i cigni bianchi
sullo specchio dell'amore"

Prendiamo invece un esempio di poesia senza rime, con ritmi meno insistiti, con pause ritmiche meno folte: che cosa tenderà a venire avanti e diventare importante? Il tema, l'argomento, la vicenda. Prendiamo ad esempio alcuni versi di Pavese:

"Vent'anni è stato in giro per il mondo.
Se ne andò ch'io ero ancora un bambino
portato da donne e lo dissero morto.
Sentii poi parlarne da donne,
come in favola,
talvolta ma gli uomini più gravi lo scordarono..."

Chi ascolta i versi di Pavese fa attenzione soprattutto al racconto della vicenda dell'emigrante, e solo dopo avverte che c'è una cadenza da cantastorie, da discendente di Omero. Invece chi ascolta quei versi di Moretti, che ho detto prima - "lenta, lenta, lenta", ecc. - ascolta prima di tutto la melodia e solo ad un secondo livello si accorge o può capire che stiamo parlando di un canale olandese.

Mi faceva impressione, poco tempo fa, leggere un passo di Goethe vecchio che affermava: "quando si hanno delle cose da dire si dicono in prosa; è quando non si ha nulla da dire che si scrivono poesie". Questa affermazione è abbastanza sorprendente, considerando che chi diceva queste cose aveva scritto una massa di poesie sterminata per tutta la sua vita. La poesia non vuole comandare, non vuole persuadere, non vuole indurre, non vuole dimostrare. Certamente la poesia si impone, ma riesce ad imporsi con l'autorità dell'istituzione letteraria che essa evoca o rivive, con l'adempimento di un rituale, di un cerimoniale.

In altre parole si può dire che anche la poesia più apparentemente privata chiama in vita una parte della coscienza collettiva, allude al valore non individuale del linguaggio, produce un senso. Tutte le forme del codice poetico, non solo le forme liriche, sono state all'origine forme di comunicazione: poi la storia della cultura le ha trasformate, le ha redistribuite e una parte di quelle forme di comunicazione sono state messe da parte, sono divenute il modo poetico di comunicare.

Tratto dall'intervista "Che cos'è la poesia?" - Milano, abitazione Fortini, sabato 8 maggio 1993

 


Biografia di Franco Fortini

Leggi l'intervista da cui è stato tratto questo aforisma

Aforismi dello stesso autore

Tutti i diritti riservati