Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Fernand Braudel

Lunéville-en-Ormois (Vosges), 1902 - 1985

Documenti correlati


VITA
Nato a Lunéville-en-Ormois (Vosges) il 24 agosto 1902, Fernand Braudel consegue nel 1923 l'agrégation in storia. Insegna nei licei di Costantina e di Algeri e poi in un liceo parigino, fra il 1924 e il 1934. Dopo aver insegnato presso l'Università di San Paolo, in Brasile e dopo una lunga prigionia nei campi di Magonza e Lubecca (1940-44), Braudel, nel 1950, succede a Lucien Febvre al Collège de France, dove rimane fino al 1973. Divenuto, nel 1956, presidente della VI Sezione dell'Ecole Pratique des hautes études sorta nel 1947, Braudel contribuisce al rinnovamento della ricerca storiografìca, aumentando il numero dei docenti e contribuendo all'istituzione di un Centre de recherches historiques, di un laboratorio cartografico, di un centro di matematica sociale, di sociologia rurale, di studi africani e cinesi e altri ancora. Sempre nel 1956, dopo la morte di Lucien Febvre, assume la direzione della rivista Annales, che, con la VI Sezione diviene il punto di incontro di storici e cultori di scienze umane di tutto il mondo. Per coronare la sua poderosa opera di ricercatore e di organizzatore culturale, Braudel, nel 1962, fonda la Maison des Sciences de l'Homme, un istituto che, attraverso incontri periodici di specialisti delle varie discipline sociali, ha realizzato una sempre più feconda integrazione tra storiografia e scienze umane. Poco prima della sua morte, avvenuta a Parigi il 28 novembre 1985, Braudel era entrato all'Académie française.

OPERE
Tra le opere maggiori di Braudel ricordiamo: La Méditerranée et le monde méditerranéen à l'époque de Philippe II, (1949), Armand Colin, Paris, l990, tr. it. Civiltà e imperi del Mediterraneo nell'età di Filippo II, Einaudi,Torino, 1953; Il mondo attuale, Torino, 1966;Ecrits sur l'histoire, (1969), Flammarion, Paris, l977-l994; Scritti sulla storia, Milano, 1973; I tempi della storia, Bari, 1986; Civilisation matérielle, économie et capitalisme, (XV-XVIII siècle), t. I: Les Sructures du quotidien; t. II: Les Jeux de l'échange; t. III: Le Temps du monde, Armand Colin, Paris, l980, tr. it. Civiltà materiale, economia e capitalismo, 3 voll., Einaudi,Torino 1987; L'identité de la France, Arthaud, Paris, l986. Braudel ha diretto con E. Labrousse la Histoire économique et sociale de la France, PUF, Paris, l977-l982 e ha contribuito alla Storia d'Italia einaudiana con uno scritto apparso, poi, in un volume a parte dal titolo Il secondo Rinascimento. Due secoli e tre Italie, Torino, 1989.

PENSIERO
La scuola delle Annales, di cui Braudel è stato il massimo rappresentante e che prende il nome dalla rivista francese Annales d'historie economique et sociale, fondata nel 1929 da M. Bloch e L. Febvre, in polemica con la storia politico-diplomatica o "evenemenziale", utilizza nella ricostruzione storiografica gli apporti delle scienze sociali, statistiche, antropologiche ed economiche, per giungere ad una rappresentazione globale della storia umana. Nella metodologia di Braudel, in particolare, è centrale la distinzione tra "tempo" e "durata": il primo è un concetto astratto, mentre la "durata" (breve, media e lunga) definisce al suo interno "eventi", "congiunture" e "strutture". I primi si collocano nella vita politica, i secondi nella sfera economica e i terzi nella sfera della vita materiale. Il mutamento storico, cioè, segue ritmi diversi ed esige una nuova periodizzazione che articoli su tre livelli l'apparente linearità e continuità della storia politica.


Contributi dell'autore all'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche:

Brani antologici

Tutti i diritti riservati