Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Alano di Lilla

Lilla (Francia), 1128 ca. - 1203

Documenti correlati

Alano, originario della città di Lilla (nato intorno al 1128), fu uno dei maggiori filosofi e teologi del XII secolo. Noto anche come Alanus ab insulis, fu soprannominato Doctor universalis. Insegnò a Parigi e Montpellier. In opere come il De planctu naturae (scritto secondo il modello latino del prosimetro, cioè alternando prosa e versi) e l'Anticlaudianus de Antirufino (in versi), scritto tra il 1182 e il 1183, egli concepisce la natura secondo una dottrina di ispirazione neo-platonica, raffigurandola allegoricamente come la portatrice dell'armonia e dell'ordine divini, violati dagli uomini preda dei vizi, in particolare quello di sodomia, con la cui deplorazione comincia appunto il De planctu naturae. (Il lamento della natura), mentre nell'Anticlaudianus Alano immagina che la Natura chiami a raccolta tutte le scienze e le virtù per creare un uomo nuovo e perfetto, programma che, come osserva Curtius, presuppone fallita l'opera redentrice del Cristo.
Dal punto di vista teologico, Alano equipara la dignità della teologia a quella delle altre scienze: le verità teologiche sono dedotte da alcuni princìpi o regulae fidei in modo rigoroso. Tra le sue opere teologiche vanno citate: Summa «Quoniam homines»; De fide catholica contra haereticos, il cui intento era quello di confutare le dottrine dei càtari albigesi, dei valdesi, degli ebrei e dei mussulmani. Nel solco di Boezio, formula il progetto di una teologia come scienza, costituita su assiomi propri ed esposta in ordine deduttivo, cui darà esecuzione con il trattato Regulae de sacra theologia.. A partire da una massima immediatamente evidente di impronta neoplatonica («Monas est qua quaelibet res est una»: «La monade è ciò per cui ogni cosa è una»), Alano deduce i diversi momenti della realtà. Di incerta attribuzione tra Alano e Nicolas d'Amiens il De arte catholicae fidei, procede analogamente alle Regulae per definizioni, postulati e assiomi, nell'intento di fornire una tecnica della giustificazione razionale della fede cristiana, valida per ogni essere razionale.
Muore all'Abbazia di Cîteaux, in Côte-d'-Or, nel 1203.


Contributi dell'autore all'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche:

Brani antologici

Tutti i diritti riservati