Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Sergio Givone

Buronzo (Vercelli), 1944

Documenti correlati


VITA
Nato a Buronzo (Vercelli) l'11 giugno 1944, Sergio Givone si è laureato in filosofia a Torino con Luigi Pareyson. Ha insegnato a Perugia, Torino e Firenze, dove attualmente è ordinario di Estetica. E' stato condirettore, insieme a C. Sini, M. Cacciari e V.Vitiello della rivista Paradosso.

OPERE
La storia della filosofia secondo Kant, l972; Hybris e melancholia, Milano, 1974; William Blake. Arte e religione, Milano, 1978; Ermeneutica e romanticismo, Milano, 1983; Dostoevskij e la filosofia, l984; Storia dell'estetica, Roma-Bari, 1988; Disincanto del mondo e pensiero tragico, Milano, 1988; La questione romantica, l992; Storia del nulla, Laterza, Roma-Bari, l996.

PENSIERO
L'interesse di Sergio Givone per l'estetica nasce da un modo di concepire la filosofia come un discorso che trova i suoi contenuti fuori di sé: nell'arte appunto, nel mito, nella rivelazione religiosa. La filosofia non è se non interpretazione di questi contenuti, volta a rilevarne il valore universalmente comunicabile, al di là del gusto e della fede. Questo non significa che egli si riconosca nell'area di pensiero indicata come ermeneutica. Piuttosto che autoriflessione sul carattere interpretativo del discorso filosofico, quella di Givone vuol essere interpretazione in atto di quei testi in cui arte e religione chiamano in causa la filosofia. Per questa via egli è tornato a interrogarsi sulla portata del Romanticismo, riconoscendo in quel movimento l'origine storica di una problematizzazione del valore di verità dell'esperienza estetica, che ancora oggi appare densa di implicazioni e tutt'altro che esaurita. Givone, infine, trova un punto di convergenza di arte e religione nella nozione di "pensiero tragico". Con questo termine egli non intende ripristinare una visione eroica o patetica dell'esistenza, che non più essere nostra, ma sottolineare l'attualità di un pensiero che non arretra di fronte al carattere irriducibilmente enigmatico dell'essere e dell'esistere.

Contributi dell'autore all'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche:

Trasmissioni

Articoli

Aforismi

Interviste

Tutti i diritti riservati