Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Cittą del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Franco Ferrarotti

Palazzolo Vercellese, 1926

Documenti correlati


VITA
Franco Ferrarotti, nato il 7 aprile 1926 a Palazzolo Vercellese, si č laureato in Filosofia nell'Universitą di Torino, nell'anno accademico 1949-1950, con una tesi su "La sociologia di Thorstein Veblen", di cui aveva tradotto La teoria della classe agiata. Duramente criticato da Benedetto Croce ne "Il Corriere della Sera" del 15 gennaio 1949, alla stroncatura crociana replica con due saggi nella "Rivista di Filosofia". Compie studi di perfezionamento a Parigi, Londra e Chicago. E' fra i fondatori del Consiglio dei Comuni d'Europa a Ginevra nel novembre 1949. Nel 1951 fonda, con Nicola Abbagnano, i "Quadeni di sociologia". E' deputato indipendente al Parlamento per la Terza legislatura (1958-1963) in rappresentanza del Movimento Comunitą di Adriano Olivetti, con cui collabora dal 1948. Non si ripresenta per la rielezione, avendo deciso di dedicarsi in piena autonomia allo studio e alla ricerca. Ottiene nel 1961 la cattedra di Sociologia nell'Universitą di Roma, a seguito del primo concorso bandito in Italia per questa disciplina. Dal 1957 al 1962 č direttore della Divisione dei fattori sociali nell'O.E.C.E. (ora O.C.S.E.) a Parigi. Nel 1965 č Fellow del "Center for the Advanced Study in the Behavioral Sciences" a Palo Alto, California. Visiting Professor presso molte universitą europee e nordamericane, in Russia, Giappone e America Latina. Nel 1978 č nominato "Directeur d' Etudes" alla Maison des Sciences de l'Homme a Parigi. Medaglia d'oro al merito della Cultura. Membro della New York Academy of Sciences. Attualmente dirige "La Critica sociologica", da lui fondata nel 1967 ed č coordinatore del "Dottorato in Teoria e ricerca sociale" nell'Universitą di Roma "La Sapienza".

OPERE
Il dilemma dei sindacati americani, Comunitą, Milano, 1954; La protesta operaia, Comunitą, Milano, 1955; Il rapporto sociale nell'impresa moderna, Armando, Roma, 1961; La sociologia come partecipazione, Taylor, Torino, 1961; Max Weber e il destino della ragione, Laterza, Bari, 1964; Trattato di sociologia, UTET, Torino, 1968; Vite di baraccati, Liguori, Napoli, 1975; Alle radici della violenza, Rizzoli, Milano, 1979; La societą come problema e come progetto, Mondadori, Milano, 1980; Il paradosso del sacro, Laterza, Roma-Bari, 1983; Homo sentiens, Liguori, Napoli, 1985; Il ricordo e la temporalitą, Laterza, Roma-Bari, 1987; (con Pietro Crespi), La parola operaia, Scuola G.Reiss Romoli, L'Aquila, 1994; L'Italia in bilico - elettronica e borbonica, Laterza, Roma-Bari, 1994; Simone Weil: la pellegrina dell'Assoluto, Messaggero, Padova, 1996.


Contributi dell'autore all'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche:

Aforismi

Interviste

Tutti i diritti riservati