Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Maria Corti

Milano, 1915 - 2002

Documenti correlati

Maria Corti è  nata a Milano nel 1915. Ebbe una vita travagliata: presto orfana di madre, visse a lungo in collegio, mentre il padre, ingegnere stradale, lavorava in Puglia. Dopo le due lauree (la seconda in filosofia), insegnò nelle scuole secondarie di Chiari, poi di Como, poi di Milano; facendo per anni la spola con Pavia, dov'era incaricata all¹Università.

Anni di fatiche (insegnamento e lavoro scientifico) e di viaggi in terza classe con gli operai pendolari, che ha raccontato nel suo romanzo Il trenino della pazienza , che fu pubblicato molto tardi rimaneggiato e con diverso titolo ( Cantare nel buio , 1991). Dopo una tesi di latino medievale, Studi sulla latinità merovingia, la Corti, lontana dal maestro Benvenuto Terracini (esiliato nel 1938), si era dedicata interamente all'insegnamento e alla scrittura creativa.

Fu Terracini, tornato in patria dopo la guerra, a stimolarla a riprendere l'attività di ricerca, stavolta nel campo della Storia della lingua italiana. La Corti recuperò velocemente gli anni perduti (in cui, oltre a insegnare, aveva svolto attività antifascista, col gruppo di allievi di Antonio Banfi, suo secondo maestro). Entrata nella carriera universitaria, ebbe la cattedra della sua disciplina prima a Lecce, poi a Pavia (dove contribuì a creare la cosiddetta «scuola di Pavia»). Pur operando in condizioni difficili, preparò studi decisivi sulla morfologia e sulla sintassi poetica italiana delle origini (1958) e sui dialetti emiliano, veneto e lombardo antichi, ed edizioni importanti, come quelle del poeta napoletano Jacopo de Jennaro (1956) e della bolognese Vita di san Petronio (1962).

La sua prima raccolta di saggi, Metodi e fantasmi (1969), porta già i segni della nuova critica strutturalistica, che la Corti abbracciò con grande giudizio, e non rinunciando a un gusto saggistico appreso dai critici francesi. Bellissimi e rivelatori, in questa raccolta, i lavori sulle redazioni dell' Arcadia di Sannazaro, uno dei testi che le furono più cari; o l'identificazione dell'autore del Delfilo . Vennero poi i Principî della comunicazione letteraria (1976; volume poi quasi raddoppiato nell'edizione del 1997) e il Viaggio testuale (1978); qui la dottrina è ormai consolidata, ma sempre applicata con grande duttilità.

La Corti affiancava spesso studi su autori delle origini ad analisi di contemporanei (quali Bilenchi e Calvino), com'era naturale per una scrittrice in proprio; che tra l'altro gli scrittori li frequentava anche personalmente: basta ricordare Montale. Da ultimo aveva polarizzato la sua attenzione sulle vicende redazionali dell'opera di Fenoglio, della quale preparò anche l'edizione critica (1978), discutendo più volte i problemi di sviluppo, di derivazione e di datazione dei vari manoscritti; e su problemi della poesia duecentesca e di Dante. Lo studio dell¹'aristotelismo radicale, e in particolare dei logici «modisti», le permise di gettare una luce nuova sui testi d¹un poeta, Guido Cavalcanti, che già prima era stato oggetto della sua attenzione, e di chiarire le idee linguistiche di Dante. Splendidi i volumi Dante a un nuovo crocevia (1981), Percorsi dell'invenzione (1993) e La felicità mentale (1983); i quali tra l¹altro comunicano al lettore questa stessa, limpida felicità della scoperta. Che era anche felicità di definire: tipica infatti della Corti la capacità di trovare formule apodittiche, leggermente scherzose, come «transcodificazione indolore», «luoghi mentali» o simili. Non va poi dimenticato che la Corti scrisse anche libri per l¹insegnamento nelle scuole superiori: citiamo almeno l¹innovativa grammatica Una lingua per tutti (1978), elaborata con alcuni giovani collaboratori. Era fondatrice e direttrice o condirettrice di riviste come Strumenti critici e Autografo , e della più militante Alfabeta ; collaborava a la Repubblica . Infine, come naturale, era accademica della Crusca.
La Corti era particolarmente fiera della creazione del Fondo manoscritti di autori moderni e contemporanei presso l¹Università di Pavia. Questo Fondo, formato in origine di lasciti e donazioni di scrittori, si è poi allargato anche ad autori classici come il Foscolo, ed è ora una delle più consistenti raccolte di stesure autografe, bozze corrette, corrispondenze di scrittori italiani degli ultimi due secoli. Ma è anche diventato subito un¹officina in cui si studiano geneticamente opere importanti della nostra letteratura, specie contemporanea, o si affrontano problemi biografici.

Maria Corti è morta a 86 anni il 22 febbraio del  2002

ndr questa nota biografica è tratta dall'articolo che Cesare Segre ha pubblicato il  24 /2/2002 sul Corriere della Sera


Contributi dell'autore all'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche:

Interviste

Tutti i diritti riservati