Il Cammino della Filosofia

Hans-Georg Gadamer

Schopenhauer e Nietzsche

 

Uno sguardo alla filosofia di scuola, quale si sviluppò nel 19º secolo, dopo la morte di Hegel, nella vita universitaria tedesca, mostra che questa era dominata (come abbiamo visto), dalla grande idea che la scienza non fosse più, semplicemente, un catalogo di verità che si possono apprendere. Essa appare piuttosto il risultato – e insieme il punto di partenza – della ricerca. Non c’è da meravigliarsi che questa concezione della scienza, che fa appello all’entusiasmo e alla gioia di fare nuove scoperte, dominasse l’intero sentimento della vita, e il modo stesso di pensare di quelle generazioni. In questa luce appare più interessante e significativa anche l’unilateralità che caratterizza le moderne visioni della scienza, in cui spiccano il rigore del metodo e l’esclusione di tutto ciò che non è verificabile attraverso il metodo e i procedimenti di controllo sperimentali, cioè, in una parola, il rifiuto di tutto ciò che non è certo, anche se potrebbe essere vero. Non desta stupore che questo atteggiamento di fondo, che ha contraddistinto in quest’epoca certi caratteristici risultati della filosofia accademica, abbia sempre suscitato anche un grande movimento di opposizione. 

Il concetto che abbiamo messo in rilievo concludendo la nostra ultima lezione, esprimeva già una sorta di parola d’ordine: la nozione di “vita”. In questo senso abbiamo osservato come la “Filosofia della vita” si sviluppi parallelamente alla teoria della conoscenza e alla fenomenologia della conoscenza.

 

LE ISTANZE DELLA VOLONTÀ

È questo, in effetti, il tratto caratteristico dell’epoca: la “Filosofia della vita” viene alla luce forse più vigorosamente nella grande letteratura dell’Ottocento, ma trova una decisa affermazione anche nel pensiero, sebbene ai margini della filosofia ufficiale e lontano dalle cattedre universitarie. Ne abbiamo un esempio evidente se pensiamo all’influenza di Schopenhauer sulla borghesia tedesca (e non solo tedesca!); la risonanza di Schopenhauer rappresenta, come vedremo, un fatto del tutto inusuale: solo alla metà del 19º secolo, nel 1850, la sua opera conobbe un’improvvisa notorietà in tutto il mondo. Si tratta di un libro scritto nel 1819: Il mondo come volontà e rappresentazione, redatto dunque all’epoca dei grandi pensatori dell’Idealismo tedesco. Arthur Schopenhauer si era abilitato a Berlino come libero docente, ma la sua enorme autostima finì per indurlo – o meglio, sedurlo – a tenere le sue lezioni nello stesso orario di Hegel. Ci si può immaginare i banchi vuoti, di fronte ai quali deve aver parlato. Così, dopo aver sferrato violenti attacchi contro i cattedratici, egli dovette ben presto rinunciare al suo incarico di professore all’Università di Berlino, ed essendo un uomo agiato, visse come studioso indipendente. Il suo scritto del 1819 era rimasto del tutto inosservato. La grande ombra della dottrina hegeliana e della figura di Schelling gravava come un macigno sul suo magistero, e non c’è dubbio che, pur essendo uno scrittore di brillante talento e di profonda cultura – si deve riconoscerlo – non potesse competere con l’accuratezza e il grande rigore con cui l’Idealismo tedesco aveva saputo articolare le sue tesi. I suoi scritti dunque, che conobbero un tardivo successo (su cui dovremo riflettere), furono apprezzati dalla borghesia – e precisamente dagli intellettuali tedeschi ed europei – proprio perché egli non si ispirava a regole ferree. Il suo pensiero produceva invece massime e commenti, raccogliendo i frutti di una ricca tradizione umanistica, e facendoli maturare nel contesto della filosofia moderna. Già il titolo della sua opera capitale, Il mondo come volontà e rappresentazione, fa intuire che qui vengano affrontati due problemi a noi ben noti, che anche Kierkegaard aveva trattato (nel modo che abbiamo visto), contrapponendo cioè realtà e possibilità, ovvero assumendosi un compito con cui la sua epoca storica era costretta a fare i conti: accogliere la scienza nei suoi elementi strutturali a priori, nella sua dipendenza dall’esperienza possibile, e al tempo stesso – oltrepassandola – far valere le istanze dell’incondizionato, della libera volontà, di quella libertà, insomma, che non può essere un “fatto” come quelli accertabili nel mondo della rappresentazione, bensì una certezza interiore, da cui dipende, in fin dei conti, la stessa dignità umana.

 

L’ETÀ DEL PESSIMISMO

Schopenhauer fu profondamente influenzato dalla filosofia di Kant. Da giovane, nella Weimar di Goethe, sotto la protezione della sua illustre madre (una signora intelligente e molto apprezzata in società), egli era entrato in contatto con la cerchia degli intellettuali del Granducato, per trovare infine la propria strada, dopo il fallimento nella vita accademica, nel burbero atteggiamento di un ricco scapolo che viveva a Francoforte con il suo cane barbone. Egli è famoso per il suo temperamento pessimista, e ci si può chiedere per quale motivo tale atteggiamento pessimistico di fronte alla crudeltà della natura, alla durezza della realtà, al bisogno di riscatto e di libertà, si sia improvvisamente diffuso intorno al 1850. A mio avviso, è chiaro che in questo periodo, negli anni intorno alla metà dell’Ottocento, il fallimento della rivoluzione borghese del 1848 si fece strada nelle coscienze. Non può quindi in alcun modo stupire che… una concezione improntata alla teoria sociale di Hegel, e a una filosofia della storia di analogo stampo – come quella sostenuta dalla Sinistra hegeliana, da Feuerbach, Ruge, Karl Marx e Friedrich Engels – che insomma quest’impeto della borghesia, che aveva ottenuto la sua legittimità in sede teorica, dopo il fallimento di quel movimento democratico si risolvesse in una sorta di consolazione contemplativa. Si spiega così una circostanza in sé sorprendente, che cioè l’opera di Schopenhauer, completamente ignorata nel 1819, sia diventata nel 1850 la lettura prediletta di tutta la Germania, e non solo. È ben nota a tutti la peculiare influenza esercitata a quel tempo da Schopenhauer su una figura che diede una diffusione globale alle istanze di questa filosofia: mi riferisco a Richard Wagner. Era, certo, una voce del tutto nuova, quella che si levava a favore di queste idee, offrendo risonanza a un pensiero che coglieva la durezza e l’inesorabilità della brama di vivere nell’ottica della volontà, come una sorta di liberazione o di riscatto da questa pulsione oppressiva che la natura e il genio della specie esercitano sull’uomo. Accadde così che il duro impatto con la realtà impenetrabile, all’insegna della volontà e del desiderio di salvezza da un destino ineluttabile, rimettesse improvvisamente in moto il potenziale della filosofia di Schopenhauer con sempre crescente vigore.

 

LA VOLONTÀ RAZIONALE

È forse necessario riflettere per un momento sul significato che la nozione filosofica di volontà ha avuto nel nostro contesto culturale europeo. In un certo senso si può forse dire che l’elemento determinante di tutta la civiltà europea sia ravvisabile proprio nella “risolutezza” con cui la scienza e la tecnica, ricorrendo alle esplorazioni e alle energie civilizzatrici e colonizzatrici, si sono imposte sull’intero mondo conosciuto. Ma che cosa significa “volontà”, e da dove viene questo concetto? Nel greco antico non troviamo alcuna nozione di volontà. Wilhelm Dilthey è stato il primo a concepire la ricezione latina della filosofia e del pensiero dei Greci come affermazione della “volontà romana”, vero e proprio frutto del potere imperiale, che da Roma si è incamminato lungo quelle antiche strade, i cui lastricati si ammirano ancor oggi nei nostri scavi. Proprio così: una forza razionale di volontà, presente nella civiltà romana, si diffuse in tutto il mondo europeo. Tuttavia, la volontà era ancora così strettamente legata… al sapere e alla ragione, che ancora nel pensiero teologico del Medioevo possiamo distinguere fra i Domenicani, che sottolineano la nota aristotelica, contemplativa, nel concetto di Dio e nella nozione di essere,… e quelle tendenze volontaristiche, che trovarono infine una qualche espressione nel Nominalismo tardo-medioevale, per il quale Dio appariva soprattutto come una sorta di potenza imperscrutabile. Di qui l’autodifesa della volontà di ricerca delle scienze moderne, che costruiscono le loro certezze nelle piccole dimensioni, dato che la Creazione e la sua sapienza non rappresentano più l’ideale ultimo da raggiungere per sentirsi a casa propria in questo mondo. A me sembra che questo sia un punto importante da considerare, che cioè con la svolta del concetto nominalistico di Dio, della onnipotenza di Dio, il quale cerca di raccogliere le sue forze di fronte al potere dell’uomo, l’unità di ragione e volontà… venga messa un po’ alla volta in dubbio. Essa resiste fino alla filosofia kantiana, fino ai limiti del pensiero di Schelling, dove la chiarezza della ragione e l’energia della volontà sono indissolubilmente connesse.

 

LA VOLONTÀ CIECA

La filosofia morale di Kant è intitolata Critica della ragion pratica. Con Schopenhauer il mondo viene pensato come volontà e rappresentazione. La volontà viene per così dire in primo piano, ma non più come volontà razionale, cioè quel volere illuminato, che cerca di concepire in termini nuovi il segreto dell’esistenza e della libertà umana; ora si tratta invece di una volontà ottusa, cieca, quella terribile realtà che faceva inorridire Schelling, il quale parlò del terrore di fronte alla natura. La volontà è una potenza inquietante, che fa pensare alla vita come a un desiderio sempre inappagato e sempre inappagabile, una tormentosa brama di liberazione e di riscatto.… Ciò spiega perché un uomo come Schopenhauer abbia cercato altre forme di affrancamento dalla volontà, perché le Indie lo abbiano tanto attirato, perché abbia ripensato in questi termini la “cosa in sé” di Kant, cui si contrappone il mondo dei fenomeni, l’unico accessibile al sapere umano. Improvvisamente appare che la “cosa in sé” non è più una “cosa”, bensì il potere stesso della volontà, che tutto penetra, e di cui si cerca di svincolarsi nel mondo della rappresentazione. A questo proposito, in primo luogo l’arte e la religione adempiono a una funzione liberatoria e redentrice nel pensiero di Schopenhauer. Capiamo, inoltre, perché ciò consenta – da un lato – di esperire la vita in tutta la sua realtà impenetrabile, ma al tempo stesso anche di sottrarsi a essa, come accade nel buddismo, in cui il velo di Maya, nel quale i mortali vacillano incerti, rinvia a una più profonda verità di salvezza. Si può ben comprendere che cosa cerchi la secolarizzazione dell’età moderna in queste aspirazioni schopenhaueriane alla trascendenza, rispecchiate nei drammi musicali di Richard Wagner (in particolare nelle opere tarde che Nietzsche non volle più riconoscere): il tentativo di conciliare questo desiderio di riscatto con l’eredità del cristianesimo (si pensi al Parsifal).

Ora, non c’è dubbio che questo concetto di volontà è pensato come una sorta di realtà interiore, e non apparente. Schopenhauer gli ha contrapposto espressamente la nozione di forza. La forza e il suo effetto – questa sembra essere, come già nella fisica newtoniana, la legge assoluta della natura. La forza e il suo effetto: è l’ovvia concatenazione degli eventi, che però non contempla proprio questo impulso naturale insaziabile, mai pago, come una sorta di bramosia che investe tutta la realtà. In effetti, dobbiamo renderci conto che questa nozione di forza è molto utile per comprendere l’energia della volontà e per farsene un’idea precisa. Siamo di fronte proprio a quel concetto di “dinamica” con cui la fisica newtoniana si è affrancata dalla tradizionale visione naturalistica: ho ricordato, a tal proposito, che Herder interpretava l’idea di forza proprio come un’esperienza umana, e altrettanto ha fatto Hegel, relativamente alla forza intrinseca, che deve estrinsecarsi e che comporta pertanto uno scontro, ovvero un gioco di forze, un loro equilibrio. Vorrei richiamare l’attenzione sul fatto che tutte queste interpretazioni si ricollegano ai concetti greci di dìnamis e di enèrgheia, che abbiamo incontrato in Kierkegaard: possibilità e realtà. Essi intrattengono una relazione “dinamica” già nell’ambito semantico greco, dove dìnamai non indica soltanto il possibile, ma anche la capacità di fare e tralasciare. La cosa appare ancora più chiara nel famoso concetto aristotelico di enèrgheia, al quale attribuiamo innanzitutto il senso di “realizzare qualcosa”. Enèrgheia significa, propriamente, essere “nell’èrgon”, cioè al lavoro, all’opera, allo stesso modo in cui la natura è all’opera in ciascuna delle sue fasi: la crescita, la fioritura, l’appassire e il perire, ed è sempre interamente presente in tutte, mentre, nel caso del nostro operare umano, il fare si esaurisce nell’opera finita, e il disgregarsi, la consunzione di ciò che si è fatto, comportano il venir meno dell’opera stessa. Insomma, quello che mi accingo a sostenere è che questi concetti greci, e in particolare quello di enèrgheia, vengono qui ripensati in senso “volontaristico”: l’enèrgheia diventa “energia”. E a ciò si connette un problema attuale in tutto il mondo: di che cosa vive l’uomo? Di che cosa vive la cultura umana? – Della gestione dell’energia, della capacità di trasformare le energie della natura e di sfruttarle: tutto dipende dall’energia, che rende possibile il dominio scientifico e tecnico delle forze naturali, e la loro conservazione. 

 

LA VOLONTÀ DI POTENZA

È stato dunque Schopenhauer a diffondere la consapevolezza delle forze che agiscono nell’uomo e a mostrarne l’incomprensibilità, l’impenetrabilità. A Schopenhauer, come tutti sanno, si è richiamato Nietzsche; ce ne accorgiamo immediatamente se consideriamo che la volontà non vuole qualcosa di determinato, bensì è, essa stessa, un condensato di energia. La volontà non vuole nient’altro che se stessa, è “volontà di volontà”, oppure – per usare le parole di Nietzsche – essa è, propriamente, “volontà di potenza”, desiderio di accrescere il proprio volere e il proprio agire. In questo senso, senza dubbio, il concetto schopenhaueriano di volontà ha tenuto a battesimo Nietzsche, nel cui celebre scritto giovanile sul mondo della tragedia greca si afferma che in quest’ultimo vi è… una duplicità: la chiarezza apollinea, serena e luminosa, cui si contrappone lo sfrenato mondo dionisiaco, la spontanea realtà del creare e del distruggere. Vedremo che Nietzsche, assimilando quegli stimoli del Romanticismo tedesco, che attraverso Schopenhauer giunsero fino a lui, si presenta con la radicalità di un pensatore straordinariamente risoluto, che esprime fino ai nostri giorni una grande potenza del pensiero.

 

FINO ALLE VETTE ESTREME

Schopenhauer educatore – questo è il titolo di uno dei primi saggi pubblicati da Friedrich Nietzsche. Abbiamo già detto che Nietzsche si richiamò sostanzialmente a Schopenhauer – agli albori del suo pensiero – anche nel contrapporre l’oscuro mondo delle pulsioni e del delirio dionisiaco alla serenità olimpica e alla luminosità dell’apollineo. Tutto ciò rimane ancor oggi sorprendentemente attuale, anche se la ricerca filologica continua a proporre nuove modifiche e rinnovati attacchi. Tuttavia c’è molto di vero negli esiti di questa irruzione del pensiero romantico nelle rappresentazioni classiche dell’antichità. Insomma, dobbiamo riuscire a capire che cosa abbia fatto di Nietzsche quel pensatore epocale, che mal si accorda con la sua biografia e con la professione dei suoi esordi: era infatti un giovane filologo di incomparabile pregio, che già in anni giovanili occupò una cattedra a Basilea, tenendo lezioni non solo di lingua greca, ma anche sulla religione e sul pensiero dei Greci; in seguito dovette abbandonare l’insegnamento per ragioni di salute, o forse per intima vocazione (chi mai può fare queste distinzioni nella vita di un uomo?!). Divenne poi un grande saggista, pubblicò numerosi libri, redatti in uno stile fulgido (dopo Goethe e Heine, Nietzsche è il più grande prosatore di lingua tedesca che si conosca a tutt’oggi); elevò il proprio pensiero fino a fargli raggiungere vette estreme, che lasciano con il fiato sospeso; si appropriò di tutto il pensabile, verificandolo e approfondendolo fin nelle conseguenze ultime.
Quando si tratta di descrivere l’opera di Nietzsche sono sempre in dubbio se parlare di un “pensiero sperimentale”, oppure di un “pensiero appellativo”. Un “pensiero sperimentale” è tale da non pretendere che le sue vie conducano alle lontane mete della verità; esso invita continuamente a nuovi esperimenti. Qualcosa del genere è certamente presente nell’atteggiamento di Nietzsche. Ma forse ci si approssima di più all’autentico radicalismo di Nietzsche se si considera e si comprende la struttura appellativa del suo pensiero. Vorrei cercare di render un po’ più chiaro questo concetto.

 

IL PENSIERO APPELLATIVO

Con il termine “appellativo” mi riferisco a un pensiero che invoca se stesso, e che, per così dire, persuade sé medesimo della necessità di dire e osare qualcosa. In effetti è questa l’immagine che egli offre di sé: la radicalità, con cui Nietzsche trasforma l’antico dualismo di Schopenhauer, e dei suoi stessi esordi – la dualità di “apollineo” e “dionisiaco” – nell’esclusiva realtà di Dioniso, cioè dell’ebbrezza creativa e dell’euforia della distruzione, ovvero l’indomita necessità del dionisiaco, che tutto sovrasta e trascina con sé, asservendo la verità stessa alle esigenze di questa energia vitale. C’è uno scritto di Nietzsche, in cui egli concepisce la verità addirittura come uno strumento della vita, e soltanto a partire dalla vita, cioè dalla “volontà di potenza”. Ebbene, il pensiero di Nietzsche è talmente poliedrico nelle direzioni in cui si sviluppa, che ho buoni argomenti con cui illustrare il carattere appellativo del suo pensiero, e in particolare della sua opera principale. In quest’ultima egli si avvicina sempre più alla figura di Zarathustra, fino quasi a identificarvisi. Zarathustra (o Zoroastro), fu un grande saggio persiano e fondatore di una religione. Egli è in qualche modo l’emblema della lotta fra il giorno e la notte, fra il male e il bene; ed è questa che Nietzsche tenta di pensare in un senso nuovo.

 

LA LEGGEREZZA

Così parlò Zarathustra è l’opera più nota di Friedrich Nietzsche, il cui stile ricorda il tedesco luterano della traduzione dell’Antico Testamento…[ripete]…; è redatta in una prosa innodica, che non vuole inaugurare uno stile inusitato, bensì porsi come vera perfezione delle possibilità linguistiche del tedesco: vi è l’ideale della leggerezza, la famosa critica allo “spirito di gravità”, che Zarathustra pronuncia – o meglio, che Nietzsche mette in bocca allo stesso Zarathustra – l’opposizione a tutto ciò che è falso, pesante, cupo, asfissiante. Tutto ciò rimane più nelle intenzioni che nell’effettivo stile dello Zarathustra e degli altri saggi di prosa, dove si ritrova un certo che di patetico, e anche di opprimente, almeno per la sensibilità linguistica tedesca (nelle sue supreme possibilità); qualcosa che non entusiasma del tutto. È noto, però, che lo Zarathustra rappresentava per Nietzsche una sorta di punto d’arrivo, a partire dal quale egli voleva esporre le sue dottrine in uno stile ancora più immediato. Ci troviamo di fronte a una forma di comunicazione indiretta, e sappiamo che Zarathustra non propugnava solo la “volontà di potenza” come autentica realtà, bensì il suo principale insegnamento è quello dell’“eterno ritorno dell’uguale”. La combinazione di queste due parole d’ordine, la “volontà di potenza” (del superuomo) – da un lato – e l’“eterno ritorno dell’uguale”, dall’altro, è il tema inquietante che ha dominato l’interpretazione di Nietzsche nel Novecento, e che rimane ancor oggi attuale: pensiamo all’abuso operato nei confronti di Nietzsche dal fascismo, soprattutto da quello di stampo tedesco, che ha inteso liberare la volontà di potenza da tutti gli impedimenti, le limitazioni, gli impacci,… e concepire l’accrescimento della volontà di potenza al fine di riconoscere se stessi come la vera e propria realtà. Stando così le cose,… l’“eterno ritorno dell’uguale” appare come una sorta di ricaduta in una natura, e in una concezione dell’essere, del tutto estranea, forse greca.

 

L’ETERNO RITORNO

Nietzsche, che fu un grande ammiratore di Hölderlin – in un’epoca in cui quest’ultimo non veniva ancora riconosciuto come uno dei più grandi poeti della lingua tedesca – fu probabilmente attirato soprattutto dramma su Empedocle, poiché questo componimento rivela quel ciclo inesorabile dell’accadere, in cui è inserita la vita dell’uomo, ed espone in maniera esemplare i lineamenti fondamentali del pensiero greco. Non per niente, nell’abuso politico del “superuomo” di Nietzsche, la dottrina dell’eterno ritorno è stata giudicata erronea. È un caso tipico; chi tenta di pensare la problematica dell’estremismo della volontà si trova di fronte alla seguente questione: come sia possibile conciliare fra loro questi due aspetti. A ciò si riferisce la mia proposta di intendere Nietzsche come un pensatore appellativo. In particolare, in un mio saggio ho fatto notare che la dottrina dell’eterno ritorno appare nello Zarathustra di Nietzsche in primo luogo come un annuncio rivolto agli animali, ai quali Zarathustra decanta questa lieve, consolante realtà; se poi consideriamo la stessa figura di Zarathustra, nell’intero contesto dell’azione, ci accorgiamo che egli stesso indietreggia di fronte alla sua consapevolezza che tutto ritorna, e non osa confidarla agli uomini. In questo senso parlo del tratto appellativo nella filosofia di Nietzsche: si deve avere il coraggio di osare questo pensiero – non come se esso possa e voglia essere la verità ultima – bensì per mettere in evidenza il declino e il rovesciamento di tutti i valori, in questa dottrina della morte di Dio, nell’annuncio del “nichilismo”, un ospite inatteso e poco gradito, le cui ombre sempre si annunciano: nei suoi saggi Nietzsche ha ripetutamente profetizzato il nichilismo europeo, sempre in connessione con il presagio dell’eterno ritorno dell’uguale, in senso, appunto, appellativo. Anche laddove gli uomini non vivono più in un mondo mitico chiuso, non sono più riuniti sotto un credo religioso che li accomuna, non è il caso di disperarsi o di abbandonarsi senza ritegno al tracollo; si deve invece imparare a convivere con l’idea che tutto ritorna: ogni sofferenza e ogni errore, ogni trionfo e ogni sconfitta. Niente dovrebbe poter spezzare l’uomo nella sua umanità. Ecco che cosa intendeva Nietzsche parlando del “superuomo”: non semplicemente colui che si lascia alle spalle tutti gli impedimenti, bensì colui che confida in se stesso, senza lasciarsi ostacolare esteriormente, nella sua intima forza di sopportare e fronteggiare ogni destino.

 

COME IL MONDO VERO DIVENNE UNA FAVOLA

È questo, a grandi linee, il messaggio che Nietzsche voleva dare. A tal proposito c’è un suo celebre scritto che vorrei richiamare alla memoria. Si tratta – né più né meno – di un abbozzo di come si presenta la filosofia europea nella sua interezza, nell’ottica del punto d’arrivo rappresentato dalla radicalità del nichilismo nietzscheano e dalla dottrina nietzscheana della “morte di Dio”. Questo scritto è intitolato Come il mondo vero divenne una favola. In esso viene mostrato che il vero mondo appare anzitutto come “idea”: ecco Platone, cui segue il cristianesimo di Agostino, ovvero l’assunzione del platonismo nella dottrina cristiana dell’aldilà e dell’aldiqua. Ecco infine il passaggio ulteriore, che si compie con la razionalizzazione moderna, per la quale il mondo vero è qualcosa di indimostrabile, che quindi sta al di fuori della realtà; esso è la dottrina della libertà, ovvero, per usare la formulazione di Nietzsche, “l’idea divenuta sublime nella nordica città di Königsberg”. Con queste parole egli evoca Kant e, con lui, la risoluzione di un postulato, o di un semplice anelito, quello del mondo della libertà e dell’ordine divino. Così si è espresso Nietzsche, richiamandosi all’età del Positivismo. Gli ultimi stadi sono infatti i seguenti: “il mondo vero, irraggiungibile, o comunque non raggiunto, quindi anche sconosciuto; perciò nemmeno consolante, salvifico” – detto esplicitamente contro Schopenhauer – “non dà conforto, né salvezza, e non vincola. A che cosa ci potrebbe incatenare ciò che è sconosciuto? Grigio mattino, primo sbadiglio della ragione, canto del gallo del Positivismo”. Segue l’affermazione che il mondo vero è, in generale, un nulla. E dalla liberazione da tale mondo dell’aldilà risulta che esiste soltanto il mondo quale appare. “Ma abbiamo tolto di mezzo il mondo vero. Quale mondo rimane? Il mondo apparente forse? Ma no! Con il mondo vero abbiamo soppresso anche quello apparente. Meriggio, l’attimo dell’ombra più corta, la fine… dell’errore più lungo, apogeo dell’umanità, incipit Zarathustra”. “Incipit Zarathustra!”, “Zarathustra comincia”: questa è una citazione, una mezza citazione, anzi. Infatti nell’espressione “incipit Zarathustra” risuona lo “incipit tragoedia”. In altre parole: evocando Zarathustra, Nietzsche si avvede fin dal principio che non si tratta propriamente di un messaggio di salvezza, ma di una consapevolezza da sopportare con dignità, con dignità umana: l’uomo deve assumersi il peso del proprio destino, così come accade nella tragedia, poiché in essa non avviene realmente la sventura, bensì, come la poetica greca ha espressamente formulato, la rovina dell’eroe sul palcoscenico – e nell’evento quasi religioso del teatro greco – genera orrore, sgomento e pietà, produce l’esperienza di una “catarsi”, una purificazione, un nuovo, profondo respiro del divino.

 

L’AMORE PER LA VITA

Questo è il modo in cui Nietzsche concepì il proprio scandaglio filosofico. Dietro la dottrina nietzscheana dell’“eterno ritorno dell’uguale” c’è un implacabile amore per la vita. È proprio questo il messaggio, che oggi anima il dibattito su Nietzsche in tutto il mondo. Noi tutti siamo consapevoli di non trovarci semplicemente di fronte a una nuova filosofia, da aggiungere alla serie di dottrine e figure di pensiero che abbiamo ripercorso. Possiamo comprendere, allora, che l’interpretazione di Nietzsche, come accade nell’odierno decostruttivismo francese, voglia scorgere in lui l’annuncio che la filosofia come metafisica è giunta alla fine. Nella nostra lezione conclusiva spiegheremo quale possa essere il passo ulteriore per la filosofia, laddove essa venga sottomessa alla volontà della vita. Non vorrei anticipare nulla; mi limito però a ricordare che anche i pensatori dell’epoca in cui Nietzsche ormai vegetava come ...in un ospizio – mi riferisco a personaggi come Bergson, Dilthey e Natorp – riprendono almeno in parte l’atmosfera spirituale di Nietzsche. Dilthey parla sempre del “volto enigmatico della vita”, che noi dobbiamo imparare a guardare in faccia.

Copyright © Rai Educational