Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Il Grillo (17/4/1998)

Sergio Moravia

Che cos'è la felicità?

Documenti correlati

Moravia: Sono molto contento di tornare al Liceo Classico Genovesi di Napoli, e di ritrovare i miei interlocutori della precedente puntata sulle passioni. Torno a dire che mi chiamo Sergio Moravia, insegno Filosofia all'Università di Firenze, e il mio compito, come l'altra volta, è dialogare con voi su un certo tema, che oggi è ancora più complicato di quello dell'altra volta, ed é niente meno che il tema della felicità, un tema da far tremare, lo capite, le vene e i polsi. Ma, appunto per questo, preferirei un po' vilmente dare intanto la parola ad una scheda, un'introduzione filmata, che ci aiuterà ad orientare la nostra conversazione.

- Si visiona la scheda:

PRESENTATORE: Alla domanda che attraversa l'intero pensiero d'Occidente: "Che cos'è la felicità?", una risposta preliminare è che la felicità non è una cosa che si possa determinare in maniera univoca ed oggettiva. La felicità non è neppure un modo d'essere universale, giacché un certo modo può essere felicitante per una persona e non esserlo per un'altra. La felicità va considerata piuttosto come un valore multiforme, che non racchiude in sé nessuna forma, e soprattutto come un valore simbolico, nel senso che gli uomini la possono pensare solo attraverso immagini o idee, capaci di alludere ad una vastissima serie di componenti.

Spezzone di film: inseguimento ad un ragazzo che fugge da un riformatorio:


GUARDIA: Continuate, continuate a giocare.

PRESENTATORE: Legata poi a bisogni ed istanze assai mutevoli nel tempo, la felicità è anche una dimensione per molti versi storica. Ciò che a noi però interessa è vedere come essa viene concepita nel nostro presente. Una prima osservazione a tale proposito è che oggi si discorre della felicità in maniera per così dire un po' imbarazzante. E' come se si pensasse che la felicità non appartenga realmente a questo mondo.

PRESENTATORE: Non a caso se ne parla sovente nella forma del rinvio, si tende cioè ad attribuire le occasioni di felicità solo ad un più o meno determinato futuro. Quando invece se ne parla con riferimento a noi stessi, troppo spesso si tende ad identificare la felicità con l'avere molto, o con l'essere solo contenti, o magari euforici. Ma la felicità forse sta piuttosto nel saper vivere la vita apparentemente più umile nei soli aspetti più ricchi di senso. Sta forse nella capacità di intrecciare i nostri sentimenti e progetti più profondi ai sentimenti e progetti di un altro o di altri, e sta nella ricerca di qualcosa che si profila, magari nella forma di uno scenario enigmatico o non ben visibile dinanzi allo sguardo della nostra anima.

-Al termine della scheda, inizia la discussione.

Moravia: Ecco, avete visto due spezzoni di film, diversamente celebri, il primo scelto dalla redazione de Il grillo, il secondo scelto personalmente da me. E mi sembrano due insiemi di immagine che potrebbero davvero alimentare una lunga ed appassionata discussione tra noi. Chi vuole rompere il ghiaccio? C'è qualcuno che ha già in mente qualche domanda?

STUDENTESSA: Felicità è avere o essere, cioè è conquista di ciò che viene imposto dall'esterno, o è costruzione razionale dell'io e consapevolezza dell'uomo, delle proprie capacità di conquista della conoscenza?

Nella prima parte della sua domanda, lei sembra quasi creare una specie di antinomia: la felicità è un avere o un essere? Nella seconda parte lei si avvicina molto a quelle che sono le mie opinioni su questa questione: forse la felicità non è primariamente un avere, e neanche primariamente un essere. La felicità, in qualche modo, è un sentire, un costruire, un trovare delle relazioni, le più enigmatiche e diverse. Non è facile dare una ricetta della felicità, a differenza di quanto dicono tanti oggi, soprattutto tanti esponenti delle industrie farmaceutiche. Non si diventa felici con una pillola. Non si scoprirà mai la pillola della felicità. La felicità, come lei ha detto benissimo, è una costruzione, è una ricerca. E da questo punto di vista vorrei subito ricordarvi le immagini del film n.2, il celebre I 400 colpi del regista francese Truffaut, nel quale avete visto cos'è la felicità, avete capito cos'è quella felicità. Sentiamo le vostre domande in proposito.

STUDENTESSA: Volevo chiederLe se è d'accordo con l'affermazione che la felicità è più l'attesa di qualcosa che so che potrà rendermi felice, che il suo raggiungimento.

E' una domanda molto bella ed altrettanto difficile. Anch'io credo, da filosofo, che la felicità sia piuttosto una ricerca che non un raggiungimento come tale. Proprio lo spezzone di film tratto da Truffaut è la prova, in qualche modo, di quanto dico. In quel film - e lo dico perché mi rendo conto che le immagini non erano sempre abbastanza chiare -, chi è quel ragazzo che fugge? Fugge, o corre in cerca di qualcosa? Fa entrambe le cose. Avete visto che fugge da un riformatorio, e si chiama Antoine Duanell, - io ho sempre voluto trovare film che mettono in evidenza dei giovani come protagonisti, in modo che voi vi riconosciate in loro -. E che altro è un riformatorio se non un luogo che ci allontana dalla felicità, e così il ragazzo fugge da e corre verso qualche cosa. E questo qualche cosa è il mare, di cui lui, Antoine Duanell, non ha mai visto traccia. Ma il mare è solo un simbolo della felicità possibile. Tutte le immagini di qualunque aspetto della realtà possono divenire per noi uomini espressioni della felicità. Certo quel pezzo di film mostra in modo indimenticabile la pregnanza di una ricerca, ed anche la vaghezza, perché noi non sappiamo cosa sarà poi la felicità.

STUDENTE: La felicità, vista in senso epicureo, quindi basata sull'atarassia, può essere adattata ai giorni nostri, in una società che è volta verso il consumismo o altri fenomeni simili?

Mi verrebbe voglia di dire che in un certo senso sì, soprattutto se questa ricerca della felicità evidenzia qualcosa di autentico. Per molti di noi non è molto facile identificarci nei modelli di felicità confezionati dalla società dei consumi, tecnologica, come altrimenti si voglia definire. Da questo punto di vista una ricerca più personale della felicità potrebbe davvero configurare uno stato felice, un perseguimento di valori che possono rendere felici.

STUDENTESSA: Spesso si parla di felicità come conseguenza di un forte dolore, oltre che di una ricerca. Pensa che la felicità possa esistere come sentimento assoluto, prescindente da qualunque altro sentimento?

La felicità può nascere in rapporto a qualsiasi situazione in cui ci si trovi. Dunque da questo punto di vista può essere anche correlata al momento di sofferenza, ovviamente è il momento dopo la sofferenza stessa. Un sentimento assoluto sì, in certi casi si può definire in questo modo. Preferirei però che non si definisse troppo rigidamente la felicità, nemmeno in questi termini di assolutezza, perché la cosa che più mi affascina della felicità, è che può nascere ed essere costruita in relazione ai più diversi criteri. E poi la felicità non è assoluta, se con assoluto lei intende qualcosa di permanente. La felicità, a volte, poi si interrompe.

STUDENTE: Che rapporto c'è tra felicità e tempo, cioè, col passare degli anni, é possibile che il nostro concetto di felicità cambi da un'idea di turbamento ad un'idea piuttosto di serenità, di calma?

La domanda è simile a quella di prima. Certamente la felicità ha un suo rapporto col tempo. Però, siamo davvero sicuri che la felicità sia uno stato permanente molto lungo nel tempo? Oppure riteniamo che la felicità possa essere anche di un momento, di uno stato, lungo anche lo spazio di un mattino? La felicità, capite, ha questo di peculiare e misterioso: che non conosce definizioni a priori, che non si lascia determinare, definire da noi esseri umani. Qualche volta noi ci accorgiamo di essere stati felici quando lo stato relativo è già passato. Guardi che il rapporto temporale tra l'essere felici e l'accorgersi di esserlo non è sempre un rapporto di coincidenza, e questo produce tragedia più che felicità, è un perdere l'occasione.

STUDENTESSA: Eppure, nella pessimistica visione leopardiana, la felicità era definita come una breve assenza del dolore.

Tenderei a dire che la felicità non è semplicemente una assenza di dolore. Se volete, la felicità è uno stadio che viene dopo il dolore. Perché l'esperienza del dolore ci fa ri-apprezzare meglio stati diversi, anche se non appartengono a quella categoria, a quel paradiso di stati che la civiltà, o la inciviltà in cui viviamo, ci definisce stati felici. Forse la felicità è proprio quel sentire, dopo una sofferenza, quanto siano belle ed appaganti anche delle piccole cose o dei piccoli sentimenti.

STUDENTESSA: Quindi la felicità è soltanto qualcosa di effimero?

Può essere una cosa effimera, o può essere una cosa più lunga. Ma non chiedete alla felicità, neanche nel vostro immaginario interiore, di essere davvero un assoluto che si trovi al di là del tempo, dell'esperienza in cui noi viviamo. O, magari, coltiviamo anche quest'idea, ma senza diventarne schiavi. Questo è molto importante. Tendo a sottolineare questo aspetto di relativa imprevedibilità, e quindi voglio dirvi, più che indicarvi quali sono le strade, e tanto meno le autostrade, che portano direttamente alla felicità - e non è una battuta, perché una parte dell’idea di felicità di oggi tende a dire questo, identificando la felicità con la semplice contentezza o appagamento intorno ad alcuni beni -, che questa non è la felicità, quasi mai. La felicità è una ricerca. E allora l'importante è essere pronti a cogliere con le nostre antenne quando qualcosa di quel tipo ci è capitato. E' questa la vera scommessa della vita, non quella di partire per le autostrade.

STUDENTESSA: Lei prima ha parlato di ricerca, ma la ricerca della conoscenza, che si fonda sulla consapevolezza della propria ignoranza, e che può essere considerato il primo passo dell'uomo verso la coscienza di sé, e quindi verso la felicità, non è invece un ostacolo alla felicità stessa, perché si fonda sul dubbio, che può far perdere sicurezza all'uomo?

Direbbero gli Americani: che bella domanda. Bella perché richiede due risposte forse contraddittorie, ma la felicità è il contraddittorio. Cioè, contro una sorta di pregiudizio, che ci ha sempre accompagnato negli ultimi duemila anni, tra la felicità e la ricerca della verità c'è una notevole differenza. Il che non vuol dire che per qualche ricercatore del sapere la felicità coincide davvero con questa ricerca. Però la storia del pensiero, che voi studiate al liceo, mostra quanti casi ci siano stati, nella tradizione intellettuale d'Occidente, di filosofi e scienziati che hanno cercato la verità, che è il mestiere del filosofo, ma senza ricavarne automaticamente la felicità. Il fatto di essere felici - o più spesso infelici - è qualcosa che non appartiene, puramente e semplicemente, al campo della ricerca cognitiva. Forse appartiene ad una dimensione più complessa, più subconscia, e di rapporti con gli altri e col mondo che ci circonda.

STUDENTESSA: La conoscenza di sé può avvicinare alla felicità?

Direi di sì, con tutte le cautele e le timidezze che questo tipo di risposta può dare, almeno a me. Può essere un buon inizio del processo che porta alla felicità, almeno nella misura in cui una buona conoscenza di noi stessi ci aiuta a emanciparci da tanti pregiudizi, da tante passioni terrene, che a volte ci rendono particolarmente ottusi o miopi di fronte a quello che potrebbe essere veramente il cammino verso la felicità. Indubbiamente conoscersi interiormente è, in ogni caso, un buon traguardo per gli esseri umani. Poi, sapete, la felicità è un po' come la grazia dal punto di vista religioso: potrebbe anche essere vero che ci viene data da un altrove, non solo da noi stessi.

STUDENTESSA: Qual è il limite tra felicità ed euforia?

Se potessi risponderLe d'istinto, le direi che non c'è nessun rapporto possibile tra la felicità e l'euforia. Personalmente detesto l'euforia, e tanto più la detesto perché è lo stato che viene raggiunto con l’uso di molti psicofarmaci, per non parlare delle droghe, e le industrie spacciano l'euforia raggiunta con questi psicofarmaci, con la felicità. E da questo punto di vista vorrei tornare un attimo ai due spezzoni di film, che abbiamo visto. Specie al secondo. Le sembra che Antoine Duanell sia euforico, quando corre agitato, tormentato a suo modo, verso qualcosa che lui non conosce? Come arriva Antoine Duanell al mare? Come reagisce di fronte alla visione, tanto agognata, della dimensione mare? E' serio. La felicità non coincide con l'euforia, ma, al limite, neanche col sorriso, anche se spesso il sorriso può essere una buona espressione di un raggiungimento ipotetico della felicità. Ma vorrei davvero insistere sul fatto che la felicità si manifesta nei modi più diversi. E da questo punto di vista, pensate a quella scena davvero paradossale, quasi grottesca, dell'altro film. E' una scena che fa un po' ridere, ma in quella scena si sta consumando, o raggiungendo la realizzazione di un ideale vagheggiato dalla lei o dal lui - non ricordo più - in giovane età. E quindi, vede, la felicità può assumere l'espressione di una scena un po' grottesca o surreale, o comunque che ci fa sorridere, e il volto serio di un ragazzo che vede qualcosa che in qualche modo lo trascende, ma che per lui è felicità.

STUDENTESSA: Lei ha parlato prima di consapevolezza, quindi di quella frazione di secondo che ci fa dire: "Cristo sono felice!". Quindi ci sono delle spie d'allarme, per farci capire se davvero siamo felici?

Senta le spie le lasci allo spionaggio. Non si può dire: "io sono felice" perché mi si è acceso un led o una lucina da qualche parte. Della felicità noi siamo gli unici testimoni, e, quando siamo felici, intanto possiamo anche non dirlo. Tanto ci basta essere felici, e d'altra parte non ci occorre, se raggiungiamo quella condizione, una prova empirica visibile che ci dica che siamo felici. La felicità, cara signorina, ed anche la sofferenza, sono, come diciamo noi filosofi, incorreggibili. Uno si sente felice. "Io sono felice, a meno che tu non mi dimostri il contrario", è una frase che non sta in piedi. La felicità è un’esperienza tutta soggettiva, tutta interiore. E da questo punto di vista, se il regista me lo consente, vorrei mostrare uno degli oggetti simbolici che abbiamo scelto per esprimere qualcosa cui ho alluso nelle ultime risposte. Ed è quell'oggetto là. Non siate delusi. Non domandatemi di levare quel velo. Intanto quel velo potrebbe essere anche mantenuto in piedi da un' invisibile forza dal basso. In ogni caso nessuno di voi ha il diritto di alzare quel velo. Voi non saprete mai cosa c'è sotto quel velo, perché la felicità - questo significa quell'oggetto simbolico -, non è una cosa, né uno stato che tutti conoscono e sanno definire quale sia. La felicità invece, come volevo esprimere con questa scelta bizzarra di un oggetto velato, dove il velo conta più dell'oggetto, è qualcosa di costitutivamente enigmatico. Non vi posso dare ricette. Lo dicevo prima. Vi posso dire, al contrario, che la felicità potrebbe, per ognuno di voi individualmente preso, configurarsi nei modi più imprevisti. Allora, se questo è vero, la vera astuzia è preparare le nostre antenne a cogliere i momenti che alludono ad uno stato di felicità, per noi. Avevo anche scelto un altro film, dove la felicità si identificava con un raggio verde del sole che tramonta, ma che nessuno vede, eppure molti lo vedono, o ci credono, o credono di vederlo. E questo è un altro bel modo di alludere alla felicità.

STUDENTESSA: Secondo Lei la felicità è uno stato soggettivo ed individuale, quindi non può esistere una felicità collettiva, cioè la comunità non può raggiungere una felicità, uno stato che accomuni gli uomini, uno stato sentimentale, insomma?

Non so che anno frequenti lei di liceo. Lei ha studiato storia e filosofia. E se io le chiedessi - non è molto gentile rispondere con una domanda ad un'altra domanda -, ma, se io le chiedessi se lei nella storia d'Occidente ha mai trovato uno stato felice, una comunità felice? Le rispondo io: non l'ha trovata. Questo è vero, ma non è tutta la verità. Cioè non escludo assolutamente che ci possano essere delle modalità di felicità che non consistono in uno stato individuale, esistenziale. E mi rendo conto di avere sottolineato soprattutto questo modello di felicità. In parte ero unilaterale, perché invece è molto vero, come ho anche detto nella scheda introduttiva, che la felicità può anche coincidere con un tipo di relazione che uno ha saputo costruire col proprio partner, con la propria comunità di lavoro, con la propria comunità sociale di appartenenza. La felicità può anche assumere un volto in prosa, ma non è detto che la felicità debba essere il momento di epifania estatica. Questa è una felicità, ma esiste anche una felicità legata ad una prosa del mondo, ad una prosa del quotidiano, ad una serenità non opaca. Sul rapporto felicità - euforia ho risposto con l'aggressività che era giusto usare. Sul rapporto felicità - serenità sarò molto più problematico. La felicità potrebbe davvero essere un sinonimo di serenità, specie in un mondo come il nostro, dove la serenità è così rara. E dunque, tra gli altri messaggi che vi sto mandando, è quello che già indicavo nella introduzione: la felicità non può essere definita in modo universale. Nelle varie epoche storiche, nelle varie congiunture, noi assumiamo diverse posizioni.

STUDENTESSA: Premettendo che sono d'accordo con Lei quando dice che la felicità non è euforia, perché magari dietro un sorriso si può nascondere una grande sofferenza, volevo chiederle fino a che punto può esserci un legame tra la passione e la felicità? Cioè la passione può essere causa di felicità?

Sì, la passione può produrre felicità.

STUDENTESSA: Non euforia?

"Euforia" è un termine che mi spinge a mettere la mano al calcio della pistola, proprio nella misura in cui, come dicevo prima, la società di oggi cerca di convincerci che l'euforia è il massimo a cui noi possiamo aspirare, perché l'euforia si può governare in modo biochimico, come è ben chiaro. Mentre non si possono governare certi stati simbolici estremamente complessi, a cominciare appunto dalla felicità. Tant'è vero che della felicità non sta neanche tanto bene parlarne in pubblico. La controparte ti risponderà: "Ma che termine retorico! Forse tu vuoi dire che sei contento!". Guai, la felicità non è un'euforia, ma, al limite, non è neanche una contentezza. E' un qualcosa di più e di diverso.

STUDENTESSA: Però la felicità non mi sembra nemmeno serenità. La felicità la vedo come un attimo, mentre la serenità, secondo me, è uno stato che dura di più. Credo che questo tipo di felicità, intesa come attimo, sia provata soprattutto dai giovani, che magari non se ne accorgono neanche, ma per un momento sono veramente felici. Una persona serena, invece, lo é sempre. Non so se parlo così perché sono una ragazza e quindi la vedo in maniera diversa da Lei che ha qualche anno più di me. Una sbronza, una pasticca di Xanax o due, prese insieme, un bel bicchierozzo, magari cinque, di vino o di wisky, creano euforia. Ma qui la dimensione chimica è quella prevalente.

La sua domanda è molto densa, molto complessa, e direi cruciale. Accetto totalmente l'accentuazione di un rapporto stretto tra la felicità ed il momento o la passione. Però, proprio alcune sue parole mi aiutano a sollevare un interrogativo molto delicato: avete tutti i diritti, voi giovani, di essere felici e di esserlo in quel modo. Ma che dire degli altri? Gli adulti, gli anziani. E' probabile che, specialmente gli anziani, non possano contare sulla felicità, quale lei l'ha definita, in un rapporto stretto con certe motivazioni, la passione o quant'altro. Vorremo allora dire che non ci può essere felicità nell'anziano? Lei sa benissimo, o lo immagina, che anche i vecchi possono essere felici. Il che implica che ci siano altre modalità di felicità, diverse da quelle che lei, giustamente, dal suo punto di vista, mette in evidenza. Da questo punto di vista non posso che ribadire il possibile rapporto tra la felicità ed una serenità che includa uno stato personale di equilibrio e di appagamento.

STUDENTESSA: Però non ho visto un legame tra felicità e serenità. Ho detto che sono due cose diverse.

Ma sto dicendo proprio questo: che esiste anche un rapporto tra felicità e serenità, soprattutto per certi soggetti umani. Non solo gli anziani, ma certo, pensando alla possibile felicità degli anziani, si può rimandare allo stato di serenità, e ancora più ad una relazione felicitante tra l'anziano ed una rete di familiari o di amici, che ancora gli diano un senso forte della propria esistenza. Quindi, di nuovo, ribadisco la pluralità della felicità.

STUDENTESSA: Pensa sia vero che la felicità dei giovani sia legata maggiormente alle passioni, mentre la felicità degli anziani sia più legata alla consapevolezza di uno stato reale di benessere?

Ho l'impressione che qualcuno di voi abbia bisogno di trovare una sorta di ricettario o di definizioni codificate della felicità. Risponderò in modo molto più cauto e problematico, che per lo più i giovani possono avere momenti di felicità intensa, legati a certe loro situazioni di rapporto con l'altro. E queste situazioni possono manifestare indici di grande intensità. D'altra parte quel tipo di felicità, a cui lei chiaramente si riferisce, é una felicità di breve durata, qualche volta di durata più lunga. Ma vede, il problema è che di felicità ce ne sono tante, e nessuna potrebbe darle il catalogo definitivo. Salterà sempre fuori un Pierino o anche un nonnino che dica: ma io sono felice per questo ulteriore motivo. E questo è il fascino della felicità, che uno non sa mai come si realizza. Ed è per questo che io vi dicevo di tenere soprattutto le antenne molto ...

STUDENTE: Secondo lei è possibile imparare ad essere felici?

Credo che molti di voi si aspettano una risposta: "no", decisa. Non sarà questa la mia risposta. Certo insegnare ad essere felici è un desiderio abbastanza astratto, tecnologico. Però, per un altro verso, si può accettare questa formula, almeno in certi limiti. Cioè, si può insegnare, non proprio ad essere felici, ma ad essere preparati al possibile incontro con la felicità. Ecco, questa è la formula che preferirei sottolineare, anziché la tua. Prepararsi, essere preparati ad un incontro, perché nella felicità, questo non dimenticatevelo mai, c'è sempre un elemento di imprevedibilità. Ed ecco perché il vero problema è essere sempre pronti a captare le occasioni diverse di essere felici. E questo vale anche per voi giovani, perché avete più volte sottolineato che la felicità è molto vicina alla passione. Magari, giustamente, avevate in mente una felicità legata all'amore. L'amore certamente ha molto a che fare con la felicità. Ma non esageriamo. Ci sono anche delle esperienze, perfino nei giovani, nelle quali la felicità non è tutta ancorata a questo stato amoroso, passionale, o quant'altro.

STUDENTESSA: Un uomo può essere felice se la persona amata raggiunge la felicità?

La risposta è stata consegnata ad una delle immagini più imperiture della storia del cinema. Peccato che non sia stato possibile, come speravo, proiettarla in questa trasmissione. E' l'ultima immagine del film di Chaplin, Luci della città, dove Charlot ha dato i soldi perché la fanciulla da lui amata potesse riacquistare la vista. La fanciulla riacquista la vista, vede chi era il suo principe azzurro per la prima volta, e resta abbastanza perplessa. Charlot non è troppo seducente. Lui del resto capisce perfettamente la delusione, e tuttavia è felice. Il messaggio stupendo di Chaplin è che la felicità può anche coincidere con la constatazione che la persona da noi amata è felice grazie a noi.

STUDENTESSA: Ma non pensa comunque che anche se la persona amata é felice, uno voglia la propria felicità?

E’ molto complicato distinguere tra una felicità di tipo egoistico ed una felicità di tipo, diciamo così, relazionale. Ho la sensazione che quando si parla di felicità del singolo, e perfino di felicità di tipo egoistico, in verità si compie un piccolo abuso interpretativo. Mi pare difficile essere felici tutti soli, separati da una relazione con l'altro. La felicità ha un forte investimento soggettivo, personale, diciamo anche "ego-referenziale", il termine di molti psicologi. D'altra parte "essere felici" passa molto spesso anche per un certo tipo di relazione, che si è potuta costruire con altri o con il mondo che ci circonda.

STUDENTESSA: Le pratiche esoteriche definiscono la felicità come il raggiungimento di un equilibrio interiore. Dunque può essere accettata questa definizione, oppure, più che altro, è il raggiungimento di un'armonia, di un equilibrio con l'esterno, con gli altri?

Mi sento un po' ignorante sulle esperienze e riflessioni, diciamo, orientali, dove il suo primo riferimento si è maggiormente verificato e teorizzato, però credo che si possa avere anche una felicità di tipo strettamente interiore, personale, una sorta di punto d'arrivo, di traguardo, se vuole, di processo di ascesi, di separazione dalle follie di questo mondo. Lo credo, a costo anche di contraddirmi, in parte, rispetto a ciò che ho detto prima. E tuttavia credo che nel nostro mondo, che è poi quello che maggiormente ci interessa, la felicità passi per lo più attraverso i canali di una qualche forma di relazione, dove la serenità viene raggiunta quando il rapporto con quanto ci circonda è quello che in qualche misura desideravamo.

STUDENTESSA: Lei ritiene che per un giovane sia opportuno, per essere felice, staccarsi ogni tanto dalla realtà?

Sì, ma non necessariamente solo per i giovani. Che ci possa essere un momento nel quale mettiamo tra parentesi le visioni e le esperienze di questo mondo, che così spesso, anche se non sempre, sia ben chiaro, ci delude, e nel quale non sempre ci riconosciamo, e che cerchiamo, ritraendoci dal mondo, di costruirci una nostra felicità, questo è vero. C'è un famoso dramma di Ibsen, L'anatra selvatica, in cui la felicità veniva collocata spazialmente in una soffitta, che era quasi una antitesi, un luogo lontano mille miglia dal mondo reale. Che dire di queste immagini, di questi orientamenti? Da un lato esistono, dall'altro li guardo con qualche apprensione, perché ritrarsi dal mondo può produrre un momento di liberazione, ma non proprio di felicità in senso pregnante. Ci liberiamo dal mondo. E ciò felicita se e quando questo mondo è davvero infame. D'altra parte la risposta: "Il mondo è infame ed io mi ritiro nella mia soffitta", quale rischio comporta? Quello di sostituire a componenti concrete, reali, vitali, dell'essere umano, delle componenti puramente immaginarie, di fantasia. Si può essere felici anche con un insieme di immagini e fantasie? Sì, ma quella è una felicità che mi parrebbe molto, molto fragile. Quanto meno l'indicazione che, assumendomene ogni responsabilità, vorrei darvi - siamo già in chiusura - è quella di cercare una felicità reale, anche se, in quanto reale, non sarà mai né assoluta, né perfetta, né invariante, però sarà reale. E lei non si sbaglierà più tra il fantasma della soffitta e la realtà di un volto amato. La felicità sta nel rapporto con un volto amato, sta nel produrre qualche cosa per l'altro e per noi stessi. E' un falso dilemma quello di dire: la felicità è un fatto puramente soggettivo, egoistico, o è un fatto tutto relazionale? Le due cose si intrecciano. E' difficile, a ben guardare, creare una felicità tutta egocentrica. E' molto difficile e pochi di noi lo fanno veramente. Non crediate di essere poi così egoisti, non siete egoisti. L'uomo sano non è egoista. L'uomo cerca l'altro. L'uomo è un "animale politico", come diceva Aristotele, la sua felicità e la sua sofferenza si trovano lì. E' lì che dobbiamo cimentarci nella felicità. E poi c’é la felicità come ricerca, ricerca di quell’oggetto misterioso, che magari non esiste. E dov'è il mio regista, perché vorrei sapere se, a questo punto devo leggere. Intanto io non so leggere i poeti, e poi ho molte paure e timori. D'altra parte i versi che vi leggerò sono tra i versi più straordinari di uno dei più grandi poeti dell'intera tradizione poetica italiana, Montale, Ossi di seppia, che, guarda caso, dedica alcuni versi alla felicità. E lui scrive: "Felicità raggiunta, si cammina per te su un fil di lana. Per gli occhi sei un barlume che vacilla, al piede teso ghiaccio che si incrina. E dunque non ti tocchi chi più t'ama".

 


Biografia di Sergio Moravia

Trasmissioni sul tema Il mondo dell'eros

Trasmissioni dello stesso autore

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati