Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Richard Tilly

Industrializzazione e origini dello stato sociale

15/9/1994
Documenti correlati

L'industrializzazione ha aumentato il tenore di vita della popolazione europea e ha determinato la crescita delle città: in città, infatti, il costo di produzione era inferiore a quello in campagna e del resto gli scambi commerciali richiedevano per essere efficienti che produttori e compratori di merci vivessero nello stesso luogo. I mutameti che avvennero in seguito al processo di industrializzazione furono oggetto di riflessione da parte del cosiddetto ‘primo socialismo’ o ‘socialismo prescientifico’ a partire dal primo Ottocento: così abbiamo Robert Owen in Gran Bretagna, il ‘socialismo utopico’ in Francia francese, Karl Marx e i ‘socialisti cattedratici’ in Germania. Lo Stato non rimase sordo alle critiche dei pensatori sociali e alle esigenze della popolazione, ma rispose con l'introduzione di diverse misure, come ad esempio la limitazione dell'orario di lavoro. Nell'Ottocento le politiche sociali non sono più connotate in senso paternalistico; le classi operaie ur bane, attraverso i sindacati, chiedono di prendere parte alle decisioni politiche e alle stesse politiche sociali: rivendicano il diritto all'assistenza. Per garantire stabilità sociale in città e indebolire istanze radicali e rivoluzionarie l'amministrazione statale trasferisce su di sé la responsabilità della creazione e gestione delle infrastrutture e dei beni pubblici fino ad allora lasciate alla iniziativa privata dei grandi imprenditori.
Richard Tilly dà una definizione di Welfare State, di Stato previdenziale, e afferma che lo Stato previdenziale nasce con la legislazione di Bismark a partire dal 1870.
Le politiche sociale in Europa nel corso del Novecento sono caratterizzate dal problema della disoccupazione; attualmente si è aggiunto il problema della tutela dell'ambiente. Richard Tilly ipotizza un un'allargamento della responsabilità statale, e quindi l' espansione piuttosto che la scomparsa dello Stato previdenziale.

Milano, Universita' Bocconi, 15 settembre 1994


Biografia di Richard Tilly

Tutti i diritti riservati