Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Nelson Goodman

Teoria dei sistemi simbolici

9/5/1989
Documenti correlati

Dopo aver definito l'induzione come un procedimento che perviene a una conclusione che non è contenuta nelle premesse, Goodman si sofferma sulle difficoltà implicite in questa forma di illazione sul futuro e sulla supposizione della continuità. Servendosi del consueto esempio degli smeraldi, Goodman spiega in quali circostanze, basandosi esclusivamente su prove induttive, non si potrebbe garantire una descrizione soddisfacente del loro colore. La validità delle induzioni infatti dipende dal loro accordo con una pratica: tra i predicati e la leggi induttive c'è un'interdipendenza che, per Goodman, crea difficoltà ineludibili anche al falsificazionismo. Le teorie descrittive sono per Goodman altrettanti sistemi di costruzione del mondo, o di mondi: al di là delle divisioni estrinseche, scienza ed arte si servono entrambe di simboli per poter operare. Per Goodman, la giustezza o non giustezza di una teoria non rimanda a un suo "accordo con la natura": egli propone una "teoria dei sistemi simbolici" che non prende in esame soltanto gli aspetti verbali del simbolo e specifichi, più che dare definizioni, tipi di simboli e tipi di riferimento. Goodman infatti distingue tra la funzione "denotativa" e quella "esemplificativa" del simbolo, e questa distinzione lo porta a rivedere valori normativi classici, come verità, falsità, certezza, a favore di altri, come la giustezza. In questo senso la filosofia post-analitica, di cui Goodman è esponente, differisce dalla filosofia analitica tradizionale, che parte dall'idea che semplicemente esista un mondo da "descrivere correttamente". L' ampliazione dell'arte e della scienza fino ad includervi sempre nuovi tipi di funzioni simboliche comporta invece per Goodman l' ampliazione dei concetti relativi, di cui Goodman fornisce in chiusura alcuni esempi.

Roma, Galleria  d'Arte Moderna, 9 maggio 1989


Biografia di Nelson Goodman

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati