Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Aldo Carotenuto

I sentimenti

11/7/1996
Documenti correlati

Nel panorama filosofico americano sono state formulate alcune teorie dei diritti «libertarie» come quella propugnata da Robert Nozick, secondo cui le istituzioni siano giustificabili alla luce di un valore che non è l'utilità né il contratto, ma quello dei diritti intesi come diritti morali negativi . In questo caso, il problema della giustizia si fonda sull'idea per cui qualsiasi istituzione o provvedimento che violi i diritti negativi che proteggono lo spazio morale del singoli è ingiusto ed iniquo. Di qui l'argomento a favore del cosiddetto «Stato minimo», che, nella sua formulazione più drastica, affida alle transazioni e allo scambio il compito di tutelare la libertà negativa di ciascuno . Una critica filosofica all'etica pubblica libertaria o liberale incentrata sulla prevalenza del mercato proviene da Michael Walzer, propugnatore di una concezione pluralistica della giustizia. Secondo Walzer si devono individuare diversi criteri per ciascuno dei beni in ciascuna sfera di giustizia, bloccando così l'effetto di dominanza che si ottiene quando qualcuno che monopolizza il bene in una sfera cerca di invadere le altre sfere . Secondo la teoria «comunitaria» non ha senso formulare criteri di giustizia in riferimento ad un soggetto astratto prescindendo dalla tradizione, ossia dalla storia condivisa da una determinata collettività. Per Rawls, poiché non si può fondare un patto di cittadinanza sulla base di visioni particolari, la convergenza è possibile solo su un sottoinsieme di valori e non su tutti. Per questo motivo diviene centrale, nell'ambito del liberalismo politico, l'idea di tolleranza che può essere concepita in base ad una ragione «prudenziale» ovvero strumentale, oppure secondo una ragione massimale, che esprime l'idea della tolleranza come valore in sé, fondata sul reciproco rispetto. Quest'ultimo, in futuro dipenderà, più che dalle teorie su «etica e politica», dall'estensione delle nostre capacità di riconoscere semplicemente, nell'altro, qualcosa che riguarda anche noi.

Milano, Universita' Cattolica, 15 dicembre 1994


Biografia di Aldo Carotenuto

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati