Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Emanuele Severino

Heidegger e la metafisica

16/12/1994
Documenti correlati

Un elemento essenziale accomuna, secondo Severino, Gentile e Heidegger: essi ritengono che il pensiero è pensiero dell'essere . Severino critica in un punto fondamentale la tesi della differenza ontologica di Heidegger: se l'essere è ciò indipendentemente da cui l'ente si costituisce, allora la stessa formulazione linguistica di questa indipendenza, si serve di quell'essere da cui l'ente dovrebbe essere indipendente . Esiste un nesso profondo tra il trascendentale kantiano e la «comprensione dell'essere» di Heidegger . L'essere al quale Heidegger pensa differisce da tutte le determinazioni, differisce dagli enti ed è appunto questa differenza la figura centrale del discorso heideggeriano: la differenza ontologica . L'essere è l'apparire degli enti. Si tratterà di decidere, se la struttura dell'ente include un essere immutabile, Dio; oppure, se la struttura dell'ente include in quell'ente che è l'uomo una permanenza immutabile, l'immortalità dell'anima; se il mondo è strutturato secondo determinazioni in se stesse immutabili . Al di sopra della differenza ontologica di essere e di ente c'è un piano più originario dell'ente che include tanto ciò che Heidegger chiama «ente» quanto ciò che chiama «essere» . L'atteggiamento di Heidegger, almeno del primo Heidegger fino agli anni '50, non è di sradicamento del pensiero metafisico ma di comprensione delle radici ontologiche del pensiero metafisico . La condizione fondamentale del divenire è quella alla quale pensava Nietzsche, e cioè che tra le cose non ci sia una realtà immutabile che renderebbe impossibile il divenire.

Brescia, abitazione, 16 dicembre 1994


Biografia di Emanuele Severino

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Tutti i diritti riservati