Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Remo Bodei

L'identità personale e la coscienza

29/7/1996
Documenti correlati

Remo Bodei definisce l'espressione «identità personale» e ne spiega l'origine. Analizza il senso e il contenuto che ricevette nella filosofia anglosassone e tedesca, descrive le implicazioni della riduzione dell'identità personale a «filo di memoria» (Locke) e a «fascio di percezioni» (Hume) e gli esiti delle risposte che Kant e Fichte diedero per sottrarre l'identità all'inconsistenza e alla fragilità cui la filosofia inglese sembrava averla condannata, passando per Schopenhauer, Freud, Lacan e soffermandosi, in particolare, su Heidegger e sulla psicopatologia francese cui dobbiamo la nozione di personalità multipla.
Remo Bodei ribadisce la storicità dell'idea di identità personale, portando come esempio il diverso approccio che la cultura orientale mostra di avere rispetto al problema dell'individuazione. Derek Parfit, autore di Ragioni e persone è, a suo avviso, uno dei più interessanti sostenitori dell'abbandono dell'idea di identità e del principio di individuazione. Remo Bodei riporta, in conclusione, l'analisi foucaultiana del processo di «soggettivazione» per separazione accennando al concetto di «cura di sé» come capacità di plasmarsi e di darsi la propria legge.

Roma, DEAR, 29 luglio 1996


Biografia di Remo Bodei

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati