Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Maurizio Ferraris

L'immaginazione nella filosofia moderna

26/6/1996
Documenti correlati

Maurizio Ferraris inizia ad analizzare il concetto di immaginazione nella filosofia moderna partendo da Cartesio che distingue tra immaginazione ritentiva e produttiva, tra imitazione e costruttività del metodo.
Maurizio Ferraris spiega il senso della polemica tra Locke e Leibniz sull'innatismo rispetto alla storia della facoltà dell'immaginazione e attribuisce a Leibniz il merito di aver riconosciuto il valore costruttivo della ritenzione, superando così la netta opposizione tracciata da Cartesio . Tale posizione verrà ripresa sia da Vico, che definisce l'immaginazione come «memoria dilatata o composta» , sia da Kant il quale, affermando che il tempo produce l'immaginazione riconosce che la produttività dell'immaginazione sta tutta nella ritenzione e che dunque «immaginazione riproduttiva» e «immaginazione produttiva» non sono che due facce della stessa medaglia .
Nel Novecento l'immaginazione è stata relegata al mondo dell'irreale e sopravvive come tema filosofico sotto il nome di «sintesi passiva», di «tempo», di «ritenzione» e di «memoria», ad esempio in Husserl, in Heidegger e in Derrida.

Milano, RAI, 20 giugno 1996


Biografia di Maurizio Ferraris

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I pensatori moderni"

Tutti i diritti riservati