Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Richard Rorty

Il ruolo della filosofia nel pensiero di Dewey

23/8/1993
Documenti correlati

Chiarendo il ruolo ed i compiti dei filosofi, Rorty afferma che essi si sono interessati alla problematica del tempo, del futuro, solo dopo aver perso ogni speranza di conoscere l'eterno. La filosofia è iniziata come fuga nel mondo dell'immutabile, progressivamente si è trasformata in riflessione sulla temporalità, sul futuro dell'umanità. Solo nel XIX secolo, però, la filosofia è divenuta pienamente cosciente del tramonto dell'eternità grazie all'influsso congiunto della filosofia di Hegel e della teoria darwiniana dell'evoluzione. L'attenzione rivolta al tempo, al futuro, trasforma anche la riflessione filosofica che da teorico-contemplativa diviene pratica. Muta il compito del filosofo che non può più guardare al futuro stabilendo ciò che lo accomuna al passato, ma al contrario ciò che lo diversifica dal passato. L'intellettuale non può più dare la priorità alla filosofia rispetto alla politica, come in fondo fece Platone, il quale continuò a subordinare la politica alla ricerca dell'eterno. Il filosofo deve, invece, essere aperto al futuro. L'apertura al nuovo non decreta la fine della filosofia, esprime, invece, il suo compito peculiare. Il filosofo deve saper cogliere, interpretare ed esprimere i mutamenti sociali e culturali. Solo una tirannia, ossia un sistema politico che sottragga la società ai mutamenti, non ha bisogno di filosofi . Riprendendo il pensiero di Dewey, il filosofo americano afferma che la filosofia ha anche il compito di mediare i conflitti, principalmente il conflitto fra il passato e le esigenze del futuro . Sarebbero tre le grandi mediazioni compiute dalla filosofia: la prima è il tentativo di conciliare l'etica cristiana con la scienza copernicana e galileiana. La seconda è la necessità di riformulare la concezione dell'uomo in seguito alle teorie darwiniane; esse, infatti, non separano nettamente la natura e lo spirito, stabiliscono, invece, un rapporto di continuità fra l'uomo ed il resto della natura. L'uomo non è assolutamente altro rispetto alle specie animali, presenta solo un grado maggiore di complessità. La terza mediazione riguarda il superamento di un conflitto extrafilosofico: la democrazia di massa obbliga i filosofi a ridefinire la vecchia distinzione platonica fra ragione e passione. Rorty cita, poi, alcuni filosofi - come Dewey, Bergson, Withehead ed ancora Husserl e Russel - considerandoli promotori del superamento dei conflitti esposti . Continuando ad interpretare il pensiero di Dewey, Rorty precisa che il filosofo diviene «un custode» il cui compito è accantonare «gli scarti del passato per fare spazio alle costruzioni del futuro», combinando talvolta questo ruolo con quello del profeta. La riflessione filosofica deve mantenere un carattere aperto e deve abbandonare il radicalismo che caratterizza sia chi intende dare un fondamento razionale al reale sia quelle cosiddette "avanguardie" che si oppongono a un tale progetto . Il filosofo americano mette in guardia da tre pericolose interpretazioni del compito della filosofia: la filosofia può cadere nel radicalismo e può eccedere in professionalismo. In questo secondo caso diventerebbe una "scolastica decadente" tutta intenta a delimitare con precisione l'ambito della propria riflessione, come fa l'attuale filosofia analitica anglosassone . La filosofia, in ultimo, non deve diventare una filosofia sciovinista, pensata e modellata sui problemi e le caratteristiche del paese in cui nasce . Essa deve avere, piuttosto, un carattere cosmopolita autenticamente aperto all'organizzazione planetaria della democrazia e dei diritti dell'uomo. Nelle riflessioni finali è contenuto l'invito a pensare la filosofia e i filosofi non più servitori della verità, ma della libertà democratica. Il valore fondamentale non è più la ricerca della verità eterna, ma quello secolarizzato della sincerità, dell'onestà e della libertà democratica.

Mosca, Accademia Russa di Amministrazione, 23 agosto 1993


Biografia di Richard Rorty

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati