Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Alain Segonds

Le origini dell'astronomia moderna: Keplero

5/5/1994
Documenti correlati

Segonds, dopo aver illustrato i tratti principali della biografia del giovane Keplero , mostra il grande ruolo che ha avuto l'astrologia nella formazione del suo pensiero . Quindi passa ad esaminare la prima pubbicazione di Keplero, il "Mysterium cosmographicum", in cui si cerca di mettere in connessione i reciproci rapporti numerici delle orbite planetarie copernicane con i reciproci rapporti geometrici dei cinque solidi regolari : un programma ambizioso ma destinato a naufragare non appena Keplero verrà in possesso dei dati più precisi sulle traiettorie dei pianeti raccolte nell'arco di un ventennio da Tycho Brahe, l'astronomo danese che Keplero incontrerà a Praga. Il fallimento del programma del "Mysterium cosmographicum" non comportò tuttavia che Keplero abbandonasse il suo proposito di cercare continuamente regolarità e armonie nell'architettura del cosmo, come dimostra una delle ultime opere di Keplero, l' "Harmonices Mundi". E' in questo lavoro che Keplero enuncia quella che poi è diventata la terza legge della cinematica del moto planetario. Le altre due leggi furono enunciate diversi anni prima nella "Astronomia nova", in cui Keplero dimostra che le orbite planetarie sono ellittiche e non circolari, come pretendeva invece l'astronomia tradizionale . Keplero non è stato solo un astronomo: Segonds ricorda gli importantissimi contributi di Keplero alla matematica e all'ottica. In conclusione vengono esaminati i non facili rapporti tra Keplero e Galilei.

Parigi, Istituto Italiano di Cultura, 5 maggio 1994


Biografia di Alain Segonds

Interviste dello stesso autore

Tutti i diritti riservati