Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Gaetano Calabrò

Cartesio

10/4/1987
Documenti correlati

Decisamente innovatrice è la posizione di Cartesio nei confronti delle scienze, soprattutto della fisica, cui si dedicò attivamente, così come la sua posizione metafisica, sicuramente opposta a quella tradizionale. Nel soggettivismo del Cogito cartesiano come principio filosofico, è giusto vedere infatti, come fa Hegel, l'inizio della filosofia moderna . L'Io di Cartesio non poggia sul pensiero puro, ma sull'esistente e sul dubbio. Si può quindi affermare a ragione che la filosofia moderna nasce con la critica delle forme sostanziali della dottrina aristotelico-tomistica, e con la separazione del pensiero dall'estensione, cioè con quello che viene chiamato il "dualismo cartesiano". Il dualismo è, d'altro canto, il presupposto necessario per la nascita della scienza moderna e del meccanicismo . Per Calabrò il razionalismo cartesiano si può considerare un razionalismo sui generis: egli parte dall'esperienza del dubbio e le stesse verità matematiche e geometriche non sono evidenti per se stesse, ma lo diventano alla luce del Cogito. Il suo razionalismo non è inoltre fondato su un ragionamento sillogistico, ma piuttosto sull'intuizione . Cartesio al dubbio scettico sostituisce il dubbio metodico, che è un atto di volontà e non un atto dell'intelligenza, così come costruzione metodica è il genio maligno, strumento per scalfire certezze precostituite . Secondo Calabrò il bersaglio di Cartesio è lo scetticismo e l'empirismo tradizionale, classico, mentre l'empirismo moderno, di Locke, non è in realtà del tutto contrastante con il suo pensiero . Ricordando brevemente la biografia di Cartesio, Calabrò ne sostiene l'anticonformismo di fondo: dopo un periodo di frequenti viaggi, egli si ritirò in Olanda; cattolico, non si impegnò in dispute teologiche e morì in un Paese protestante . Tornando a questioni teoriche, secondo Calabrò non si può parlare di cesura, in Cartesio, tra fisica e metafisica. La differenza tra la metafisica scolastica e quella cartesiana consiste nel fatto che l'una va dalle cose a Dio, l'altra da Dio alle cose. Il presupposto del Metodo, secondo Calabrò, è che Dio è creatore delle verità eterne, anche se poi si disinteressa del mondo. In questo senso, Voltaire e Pascal avevano sostanzialmente ragione nell'asserire che Cartesio si "serviva" di Dio . Il meccanicismo cartesiano, secondo Calabrò, lascia spazio alla libertà perchè è mantenuto in vita da una continua creazione divina, su cui poggiano tutte le leggi fisiche. La libertà divina è assoluta, essendo Dio "causa sui", e secondo Calabrò anche l'umanità ha per contrassegno la volontà, non l'intelligenza. La metafisica di Cartesio non è però influenzata, come la sua morale, dallo stoicismo: la volontà di cui egli parla è la potenza di causare atti propri.

Roam, RAI viale Mazzini, 10 aprile 1987


Biografia di Gaetano Calabrò

Partecipa al forum "I pensatori moderni"

Tutti i diritti riservati