Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Enrico Berti

La filosofia di Jacques Maritain

16/6/1988
Documenti correlati

Berti illustra innanzitutto le tappe dell'itinerario spirituale di J.Maritain, sottolinenandone la continuità fondamentale, nonostante le apparenti discordanze tra le diverse fasi. Un aspetto saliente del suo pensiero è nell'interpretazione dell'aristotelismo e del tomismo come filosofie tuttora valide per il loro realismo e per la considerazione della ragione e della natura. Rispetto alla tradizione di pensiero francese Maritain assume invece una posizione polemica, in particolare verso il cartesianesimo, accusato di idealismo, anche Rousseau e l'Illuminismo sono criticati per l'eccessivo ottimismo riposto nella bontà della natura umana, S.Tommaso è invece l'unico punto di riferimento valido, anche se successivamente Maritain tempererà la sua posizione critica verso il pensiero moderno. Il rapporto conoscitivo con il mondo è per Maritain un rapporto di intenzionalità, che, attraverso le idee ed i diversi gradi di astrazione, conduce all'intuizione dell'essere. Maritain ha anche sviluppato una vera e propria filosofia della natura, anche rispetto al problema della natura umana Maritain distingue le varie dimensioni in cui questa si esprime. Alla morale Maritain restituisce il carattere di filosofia pratica, tentando una sintesi tra la morale classica ed il pensiero teologico cristiano. La sua concezione politico-sociale ha esercitato una amplia influenza nella cultura politica europea, in particolare la sua proposta di un personalismo comunitario e di una nuova cristianità, la sua posizione laica e pluralista, la sua critica al principio di sovranità. Maritain propugna un umanesimo integrale, che consideri l'uomo nella sua dimensione sociale, spirituale e religiosa. Nella sua concezione estetica Maritain riprende motivi aristotelici e scolastici sottolinenando nell'arte il carattere conoscitivo ed intellettivo. Contro la posizione pedagogica di Dewey, Maritain sottolinea la funzione formativa integrale dell'educazione e la centralità di una educazione dell'intelligenza. Per concludere Berti ricorda i principali contributi del pensiero di Maritain, in particolare il suo personalismo e la riuscita conciliazione tra cristianesimo e cultura moderna, evidente soprattutto nella valorizzazione della democrazia, anche i limiti del suo pensiero vengono brevemente presentati.


Biografia di Enrico Berti

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati