Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La CittÓ del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
ę Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Tzvetan Todorov

Universalismo e difesa dell'alteritÓ: Las Casas e i conquistadores

7/12/1988
Documenti correlati

Dopo alcune considerazioni generali sul XVI secolo, caratterizzato, da una parte, dalle esplorazioni geografiche che rendono la terra pi¨ piccola e, dall'altra, dalla scoperta dell'infinitÓ dell'universo che la disperde nel cosmo, Tzvetan Todorov passa ad occuparsi della conquista dell'America che egli inteterpreta come un momento esemplare della generale storia dell'incontro-scontro di alcune identitÓ culturali con l'"alteritÓ". Se Alexis de Tocqueville rappresenta, secondo Todorov, un esempio eloquente di quel "tradimento dei chierici" che indusse alcuni intellettuali ad abbandonare i principi democratici difesi in teoria, legittimando lo sterminio e la colonizzazione, Bartolomeo de Las Casas, al contrario, si impegn˛ per una integrazione degli Amerindi che ne riconoscesse la "diversitÓ" e, al tempo stesso, l'unitÓ con l'universale specie umana. Della colonizzazione americana Todorov rintraccia le lontane origini ideologiche nell'individualismo e nel realismo politico di Machiavelli e dei filosofi politici del Rinascimento e il movente prossimo nella nuova mentalitÓ mercantile ed affaristica. Le disastrose conseguenze del genocidio americano, poi, si sono perpetuate fino al XX secolo dominato dal nazionalismo imperialista, che Ŕ alla base di quello spirito di conquista, che, in ogni epoca e civiltÓ elabora un preciso " modello di sterminio",mettendo il sapere al servizio del potere per giustificare con le leggi della storia o della biologia il dominio dell'uomo sull'uomo. Nel dibattito filosofico-teologico tra l'umanista Sepulveda,sostenitore della superioritÓ raziale degli europei sugli indiani d'America e il domenicano Las Casas, difensore dell'unitÓ e pari dignitÓ di tutti gli uomini,Todorov vede un pi¨ generale conflitto tra una cultura di tipo aristotelico che legittima la schiavit¨ e l'articolazione gerarchica della societÓ e una cultura cristiana che proclama l'uguaglianza degli uomini di fronte a Dio. La vicenda di Las Casas,conclude Todorov,come quella di Socrate,rappresenta una lezione morale per gli intellettuali della nostra epoca, incapaci di opporsi alla crisi della modernitÓ e adattati all' individualismo e ai valori dominanti del senso comune.


Biografia di Tzvetan Todorov

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati