Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Ilya Prigogine

Il tempo e il nuovo "messaggio dell'entropia"

19/12/1988
Documenti correlati

Ilya Prigogine ricorda innanzi tutto il suo percorso scientifico e il suo interesse per la termodinamica e per il problema del tempo ;rispetto a quest'ultimo egli esprime il suo debito intellettuale nei confronti di Boltzmann, in particolare per quanto riguarda il problema dell'evoluzione in fisica. L'introduzione del concetto di evoluzione in fisica consente a Prigogine di superare quella falsa contrapposizione tra leggi fisiche statiche e leggi biologiche evolutive che caratterizza il pensiero di Monod. Prigogine spiega poi la differenza tra fisica classica e fisica contemporanea; quest'ultima, da un lato, ci ha fatto acquisire una visione più temporale e storica, più vicina a quella delle scienze umane; dall'altro ci ha permesso di tener conto degli eventi casuali. Se prima il tempo era un concetto solamente umano, ora lo stesso universo risulta essere un fenomeno temporale e ciò deve indurre alla ricerca di modelli compatibili per spiegare sistemi semplici e complessi. A proposito della complessità, Prigogine fa notare che anche sistemi apparentemente semplici risultano in effetti complessi e sottolinea l'importanza della collaborazione tra discipline diverse per studiare il loro funzionamento. Ritornando al problema del tempo, Prigogine nota che la scienza contemporanea, dopo Aristotele e dopo Heidegger, ha dimostrato che il tempo è un elemento essenziale della fisica di un universo in evoluzione, perciò non è più valida la distinzione tra tempo filosofico e tempo fisico. Per quanto riguarda il significato del secondo principio della termodinamica, e in particolare il significato del concetto di entropia, Prigogine sostiene che devono essere rivisti entrambi in modo tale che si possa dar conto della coesistenza di ordine e disordine presente in tutte le strutture dell'universo. A partire dall'esempio del clima, Prigogine sostiene poi che l'esistenza di sistemi dinamici instabili e di processi irreversibili spiega la direzione del tempo, mettendo in crisi la vecchia idea della precisione deterministica.


Biografia di Ilya Prigogine

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Tutti i diritti riservati