Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Hans Jonas

Il principio responsabilità

12/7/1989
Documenti correlati

Anticamente il termine natura designava il principio vitale che presiede allo sviluppo del reale. La natura (la physis), secondo Jonas, è per gli antichi sorgente del divenire e dell'essere e l'uomo è inserito in essa con una sua specificità qualitativa. Con il cristianesimo si verifica una frattura uomo-natura, che trova poi una sua formulazione nel dualismo cartesiano. L'uomo, ormai estraneo rispetto alla natura, stabilisce con essa un rapporto di dominio, espresso dalla tecnica. Secondo Jonas l'uomo tende ad intervenire sulla natura modificando l'ambiente a proprio vantaggio. In questo processo viene considerata una serie di ordini di grandezze, alcune costanti, come l'irradiazione solare, altre variabili, come la crescita numerica della popolazione, che ci inducono a non condurre lo sfruttamento delle risorse ad un livello incompatibile con la sussistenza della vita. Jonas definisce la vita attraverso l'attività metabolica dell'organismo che, guadagnando energia, determina le condizioni della propria conservazione. Il metabolismo permette un uso ontologico, non solo morale, della nozione di libertà perchè, grazie ad esso, la materia può costantemente modificarsi. Mentre il progresso scientifico è quantificabile, quello morale non è misurabile ma deve essere riferito ai casi singoli. Secondo Jonas il compito etico più rilevante è evitare l'infelicità conservando i presupposti utili per la definizione dei fini dell'esistenza umana nel quadro di una rinnovata attenzione per i diritti propri della natura, nell'interesse dell'umanità futura. La pace intesa come liberazione permanente dalla guerra è possibile, anche grazie al sentimento della paura. La famiglia è luogo d'origine del dovere e della responsabiltà e si configura quindi come fortemente rilevante in senso etico. L'individuo, secondo Jonas, esprime il "singolare". In esso tuttavia è implicito un aspetto sociale evidente nel fenomeno del linguaggio ed il rapporto che si stabilisce tra individuo e formazione sociale può assumere modalità diverse.


Biografia di Hans Jonas

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Tutti i diritti riservati