Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Everett Mendelsohn

Scienza ed etica

2/6/1992
Documenti correlati

Everett Medelsohn riflette innanzitutto sui problemi che comportano gli esperimenti scientifici condotti sugli uomini, sostenendo la necessità di un'etica della sperimentazione: si considerano in particolare i progressi fatti dalla scienza nel campo della genetica, i connessi pericoli di manipolazione e le eventuali conseguenze di mutazioni genetiche che intervengano non solo sulle cellule somatiche, ma anche su quelle germinali, per esempio nel caso di malattie o di altre caratteristiche ereditarie; occorre chiedersi in particolare a chi si debbano demandare queste responsabilità e quale sia la definizione di essere vivente o di vita umana per esempio rispetto al problema dell'aborto o di ovuli fecondati, ovvero quando subentri la morte cerebrale per esempio rispetto al problema dei trapianti, dell'eutanasia o dell'interruzione di vite tenute artificialmente in funzione dalle macchine. E' necessaria una grande prudenza davanti all'ottimismo estremo della scienza medica e soprattutto rispetto alle ricerche in campo genetico sul genoma umano, le cui conseguenze possono avere rilevanza sociale, oltre che etica. Secondo Medelsohn la filosofia si è poco preoccupata del problema delle decisioni pratiche nell'etica e nella politica sociale, occorre invece una più stretta interazione tra filosofi e tecnici. Se la conoscenza tecnica incide sempre più profondamente nella vita quotidiana, d'altronde essa è sempre meno accessibile all'uomo medio, perciò si deve sanare tale discrepanza anche al fine di trovare delle risposte ai nuovi interrogativi, soprattutto per quanto riguarda le decisioni da prendere. Sono necessarie nuove forme di interazione e di socializzazione, gli esperti dovrebbero inoltre avere anche una formazione filosofica; Medelsohn riflette quindi sulle commissioni etiche a vari livelli e sugli enti di consulenza e di controllo, la cui funzione va a suo parere potenziata anche al fine di affiancare alla sperimentazione tecnica una continua sperimentazione sociale dei suoi usi e conseguenze. Non si è affrontato a sufficienza il problema dell'impatto ambientale del progresso tecnologico e dello stile di vita, è quindi da riconsiderare la natura delle interazioni tra l'uomo e il mondo in maniera globale, oltre che su scala mondiale.


Biografia di Everett Mendelsohn

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati