Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Massimo Cacciari

Niccolò Cusano

5/3/1993
Documenti correlati

Massimo Cacciari illustra innanzi tutto la figura di Niccolò Cusano. In lui, tedesco, nato nel 1401, si intrecciano le istanze della tradizione teoogica e filosofica neoplatonica con la rinascita degli studia humanitatis insieme alle prime intuizioni matematiche e cosmologiche. Partecipa al concilio di Basilea, lotta utopisticamente per l'unità della Chiesa d'Occidente e d'Oriente. Il sogno però fallisce con la caduta di Costantinopoli, uno dei più grandi traumi della cultura europea. La sua filosofia è determinata dalla riscoperta di Platone e del platonismo. La sua riflessione teoretica parte dalla constatazione dell'abisso tra realtà divina e ratio naturalis. Nella sua opera De non aliud l'uno divino è essenzialmente altro, distante dalla molteplicità creaturale. Ma Niccolò Cusano cerca di risolvere tale aporia in questi termini: Dio, essendo il totalmente altro, ed essendo nient'altro che sé, si riflette nella perfetta singolarità di ogni ente, e lo fa a sua immagin. Questo concetto di un'unità divina che è «tutto in tutti», causò a Cusano l'accusa di panteismo, ma Cacciari sottolinea come l'unità divina cusaniana non si disperde nella molteplicità e non si ha perciò nessun Deus sive natura.. Inoltre, l'idea dell'unità divina, la quale è pensata come coincidentia oppositorum, ha una valenza non solo logica, ma anche cosmologica.Nel De possest Cusano infatti afferma che Dio è la totalità non degli enti dati e rappresentabili, ma l'identità dei possibili. Non dunque un cosmo dato ma possibili infiniti cosmi. Questa intuizione contribuì nel Cinquecento alla rivoluzione scientifica. Nella Docta ignorantia, inoltre, Cusano sviluppa ancora il tema dell'assolutamente altro. La ignoranza può dirsi dotta quando arriva a pensare l'assolutamente altro, il nome divino. Decisive sono anche le intuizioni matematiche di Cusano sull'infinito. In De coniecturis Cusano tratta tutte le verità come congetture. Gli stessi dogmi possono essere letti come congetture, come sottolinea Cusano nel De pace fidei. Non c'è però relativismo, perché la verità di Dio resta sempre l'infinito inattingibile.


Biografia di Massimo Cacciari

Aforismi derivati da quest'intervista

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I pensatori moderni"

Tutti i diritti riservati