Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Ignace-Marcel Tshiamalenga Ntumba

Filosofia africana: una filosofia del noi

27/8/1993
Documenti correlati

La filosofia africana si basa sulle tradizioni orali trasmesse dai cosiddetti "iniziati": esistono comunque dei documenti scitti. Ad esempio, in Etiopia sono stati ritrovati dei testi che risalgono al tempo di Cristo, e non è escluso che ve ne siano di altri appartenenti ad epoche precedenti. Il primato del Noi sull'Io e l'unità tra pensiero religioso e pensiero non religioso sono tratti specifici della filosofia africana. Nonostante questa unità tra sacro e profano, il pensiero africano ha saputo distinguere tra puro mito e comprensione critica, tra linguaggio del mito e linguaggio del logos: credere di poter liberare del tutto il pensiero dal mito è un Super-mito dell'Occidente. All'interno del pensiero africano non vi sono grandi differenze, perchè nemerosi e continui sono stati gli scambi culturali tanto che, ad esempio, non è possibile interpretare correttamente la religione egiziana senza studiare le religioni africane. Una grande differenza resta comunque tra l'Africa nera e quella araba. La colonizzazione degli europei non ha reso revanscisti gli africani; certo, dice Marcel Ntumba, molto è andato perso, l'uomo non ha più ritrovato se stesso perché qualcun altro ha pensato al suo posto. Tuttavia, gli ‘iniziati’ sono sfuggiti alla colonizzazione e hanno continuato a tramandare la loro tradizione e anche ad attualizzarla. Ritiene che il trapianto del Cristianesimo in Africa non sia stato violento, il messaggio dei missionari non suonava del tutto estraneo agli Africani: oggi molti studiosi sostengono che all'interno della Bibbia e della tadizione giudaico-cristiana vi siano elementi della tradizione africana (Marcel Ntumba spiega in cosa consista la sua filosofia del Noi e in che modo possa curare il solipsismo dell' io occidentale: all'io da un lato e al Noi come sentimento di gruppo primordiale dall'altro, si deve sostituire un Noi dialogico-argomentativo illimitato, un ideale di umanità senza limiti di spazio e di tempo. Dall'io occidentale la coscienza africana deve apprendere soprattutto ‘la determination’, la risolutezza.

 


Biografia di Ignace-Marcel Tshiamalenga Ntumba

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati