Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Raffaele Simone

Questioni fondamentali della linguistica

26/1/1995
Documenti correlati

Per Raffaele Simone due classiche questioni filosofiche sono ancora oggi insolute in linguistica: il problema del "riferimento" e quello relativo all'"arbitrarietà" o "iconicità" del linguaggio. In Platone si può vedere il primo portavoce della posizione "iconicista", mentre Aristotele rappresenta la posizione arbitrarista. I logici della scuola di Port Royal assunsero una posizione ambigua: da un lato la loro teoria è "arbitrarista", dall'altro "antiarbitrarista". A Chomsky va il merito di aver trasportato nella mente il fondamento della grammatica, fissando così anche i limiti della complessità o della semplicità delle lingue. L'idea di un'unica grammatica emerge anche nelle preoccupazioni seicentesche per una lingua ideale e perfetta, atta a sanare le incomprensioni tra popoli e studiosi, e riemerge ancora oggi nelle riflessioni del filosofi dei linguaggio sui linguaggi informatici. Simone ricorda il contributo di Locke alla tesi dell'arbitrarismo in linguistica. La tesi lockiana è stata ripresa a fine '800 dal linguista Ferdinand de Saussure che la estese anche alla scelta dei suoni di una lingua, e che avanzò l'esigenza di una specifica metodologia scientifica. Simone ricorda le due diverse concezioni del linguaggio elaborate da Wittgenstein. Le sollecitazioni offerte dalla teoria di Freud, che aveva capito che il linguaggio è uno dei canali con cui l'inconscio si esprime, devono ancora essere raccolte. Simone parla infine delle ambizioni attuali della linguistica.


Biografia di Raffaele Simone

Aforismi derivati da quest'intervista

Tutti i diritti riservati