Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Guy Planty-Bonjour

La logica hegeliana

1/3/1988
Documenti correlati

Per Planty-Bonjour, nell'ambito della storia del principio di contraddizione, si può attribuire notevole rilievo a Kant soprattutto per il concetto di opposizione reale. La contraddizione in Hegel non è un semplice conflitto o controversia e nemmeno un'opposizione; la contraddizione dialettica di Hegel mostra la negatività dell'essere, la negatività assoluta del reale che, andando a fondo, ritorna al fondamento. Il principio di non contraddizione è per Hegel costitutivo dell'intelletto, al di sopra del quale deve però ergersi la ragione, nella sua funzione negativa e positiva. Contrariamente a certe successive interpretazioni marxiste, secondo le quali la contraddizione dovrebbe essere anche nel pensiero oltre che nel mondo, Hegel intende superare il dualismo di essere e pensare. Del resto la logica dialettica non elimina certo la contraddizione, in quanto riconoscere la contraddittorietà delle cose non equivale a contraddirsi quando si pensa o si parla. Contraddizioni oggettive compaiono all'interno della Fenomenologia dello Spirito nella dialettica del padrone e del servo, o in temi quali il riconoscimento, la morte, il lavoro. L'interpretazione di Marx, secondo cui Hegel non avrebbe compreso il carattere positivo del lavoro, deve considerarsi errata: per Planty-Bonjour, Hegel ha colto l'importanza del lavoro in quanto portatore di una contraddizione non superabile. Come sottolinea Lenin, il pensiero di Marx risulta incomprensibile senza la logica dialettica di Hegel.


Biografia di Guy Planty-Bonjour

Interviste dello stesso autore

Partecipa al forum "I pensatori moderni"

Tutti i diritti riservati