Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche
www.filosofia.rai.it
Search RAI Educational
La Città del Pensiero
Le puntate de Il Grillo
Tommaso:
il piacere di ragionare
Il Cammino della Filosofia
Aforismi
Tv tematica
Trasmissioni radiofoniche
Articoli a stampa
Lo Stato di Salute
della Ragione nel Mondo
Le interviste dell'EMSF
I percorsi tematici
Le biografie
I brani antologici
EMSF scuola
Mappa
© Copyright
Rai Educational
 

Interviste

Dagfinn Føllesdal

La comunicazione

24/8/1993
Documenti correlati


La comunicazione è un ottimo esempio di problema filosofico che non può essere risolto dicendo che un soggetto ha un'idea, la manifesta attraverso un mezzo e un altro soggetto riporta questa idea all'interno della sua coscienza. Il linguaggio è un fenomeno intrinsecamente sociale che si costituisce e si apprende e viene usato nell'interazione tra soggetti. Dagfinn Føllesdal cerca di integrare la teoria cartesiana della comunicazione e quella comportamentistica. Spiega cos'è il significato, attraverso l'esempio della parola ‘pane’ e della parola ‘bene’, e come sia possibile avere false credenze. Precisa il rapporto tra stati mentali e linguaggio, affermando che i nostri stati mentali diventano esprimibili verbalmente soltanto parallelamente al nostro apprendimento del linguaggio: ci impossiamo realmente dei nostri stati mentali più complessi attraverso l'apprendimento del linguaggio: per questo la perdita del linguaggio sarà a lungo termine dannosa per la nostra vita mentale e per la nostra coscienza.Comunque anche l'esperienza umana fa evolvere e arrichire il linguaggio. Con la teoria di Dagfinn Føllesdal che minimizza il ruolo delle idee nella comunicazione e nell'apprendimento del linguaggio, la linea di demarcazione tra comprensione e fraintendimento non è più così netta, ma ciò non significa che ove ci sia un fraintendimento non possa essere individuato. Dagfinn Føllesdal spiega perché chiedersi se quello che io chiamo verde l'altro lo veda dello stesso colore che io chiamo rosso e viceversa sia un problema mal posto. È vero che a volte ci troviamo in una situazione sensoriale affine, e i nostri stati mentali sono differenti. Tuttavia, di qualsiasi differenza si tratti devrebbe poter essere scoperta attraverso il processo sociale che è coinvolto nell'istituzione, nell'apprendimento, nell'uso del linguaggio. Qualsiasi distinzione significativa sia data, si tratterà di una distinzione che fissata attraverso l'interazione umana: perciò si può dire che il significato è un prodotto umano.
Dagfinn Føllesdal crede che sia sempre possibile comunicare anche attraverso paradigmi diversi. Parla della comunicazione tra filosofi e tra tradizioni filosofiche diverse, e del suo tentativo di instaurare una comunicazione produttiva tra la filosofia analitica e quella continentale. In filosofia vi sono problemi che si generano dalla nostra natura di esseri umani che vivono in questo mondo fisico. Perciò non v'è un'irriducibile pluralità tra le diverse opinioni filosofiche, esistono questioni comuni al genere umano e la filosofia consiste nel cercare di trovare risposte sempre migliori, tornando anche su una risposta del passato.


Biografia di Dagfinn Føllesdal

Aforismi derivati da quest'intervista

Partecipa al forum "I contemporanei"

Tutti i diritti riservati