Cybercultura: verso un nuovo rapporto con la conoscenza?

 

Gli effetti delle nuove tecnologie della comunicazione è un tema al centro della riflessione contemporanea. Come si stanno  trasformando le società, le culture, gli stili di vita con l''introduzione di questi nuovi strumenti ? Poiché l'avvento dei nuovi media influenza potenzialmente tutti gli aspetti dell'attività umana, sono molti i settori in cui si articola questa analisi. Il lavoro, l'economia, la scuola, stanno gradualmente cambiando la loro  fisionomia per effetto dell'introduzione di queste nuove tecnologie, ma è ancora difficile intravedere l'esito finale di queste trasformazioni.

Dai  diversi contributi dell'EMSF dedicati all'argomento è possibile delineare uno scenario, anche se sfumato, di ciò che sta accadendo. Ricorre in questi interventi il riferimento a Internet, la grande rete, che di questa rivoluzione della comunicazione è al tempo stesso la sintesi e l'applicazione più visibile. Poiché le modalità di comunicazione che la Rete delle reti mette a disposizione compendiano in un sol mezzo tutti i diversi aspetti di questo cambiamento in atto.  L'Ipertesto, il virtuale, il multimediale, l' interattivo, fanno parte del nuovo vocabolario utilizzato per descrivere Internet, ma anche di tutto un insieme dilagante di nuovi mezzi di comunicazione e trasmissione delle conoscenze. Termini noti, potremmo dire alla moda, ma non sempre sufficientemente analizzati, le cui innumerevoli ricadute pratiche fanno intuire che riflettere su Internet e le nuove tecnologie significa affrontare un insieme vasto e complesso di questioni che vanno al cuore dell'organizzazione sociale e culturale dell'umanità.

In particolare il nostro percorso affronterà il nesso tra le nuove tecnologie dell'informazione e la conoscenza.  Intesa quest'ultima sia nel suo aspetto di contenuto che nelle procedure della sua trasmissioni. 

 

Prospetto dei contributi:
Trasmissione Autore Titolo del contributo

Aforismi

 Pierre Lévy

Il diluvio informazionale

Il Grillo 

 Antonio Caronia

I New Media cambiano le emozioni?

Il Grillo

 Francesco Antinucci

Che cos'' un ipertesto

il Grillo

 Pieraldo Rovatti

Il gioco della comunicazione

 Il Grillo

 Francesco Siliato

A che serve Internet?)

Il Grillo Stefano Rodotà Quali sono i limiti di Internet?
Immagini del Pensiero Paul Virilio L'integralismo tecnologico

Siti Internet sull'argomento

Pierre Lévy: l'intelligenza collettiva e un nuovo rapporto con il sapere

Lévy (in Aforismi, Il diluvio informazionale) sottolinea come la rivoluzione delle telecomunicazioni trasforma definitivamente il nostro "rapporto con il sapere". Anche se la retorica  sui new media  promette un accesso a tutte le informazioni, la realtà si rivela essere esattamente il contrario. Data la quantità dell'informazione potenzialmente disponibile nessuno può controllare e accedere alla totalità delle informazioni presenti: "viviamo in un epoca in cui una persona , un piccolo gruppo non può più controllare l'insieme delle conoscenze e farne un tutto organico". L'impossibilità pratica di controllare totalmente il sapere inaugura un nuovo rapporto con la cultura e contiene un aspetto estremamente  positivo:  la necessità di una gestione cooperativa e decentralizzata del sapere e della cultura che Lévy   chiama intelligenza collettiva.

Se si resta con la nostalgia di una cultura ben costituita, organica, con la nostalgia di una totalità culturale, non se ne esce. La conoscenza e la cultura è qualcosa che si sta definitivamente detotalizzando. Vi dicono: potrete avere accesso a tutte le informazioni, alla totalità delle informazioni, ma è proprio il contrario: adesso sapete che non avrete mai accesso alla totalità. (Pierre Lévy)

 

Il tema del cambiamento culturale  è al centro della puntata de Il Grillo con Antonio Caronia:  I New Media cambiano le emozioni?, dove vengono ripresi e discussi alcuni concetti di Pierre Lévy. Caronia sottolinea le possibilità di intervento e la dimensione interattiva che i  nuovi media consentono sulla produzione e la trasmissione delle conoscenze.


Un altro aspetto legato al rapporto tecnologie e conoscenza è il concetto di ipertesto, considerato non come un semplice mezzo di presentazione di contenuti, o artificio tecnologico, ma come preludio a nuovi stili   cognitivi non basati sulla linearità del testo scritto del libro o della parola. Su questo   interessante aspetto interviene  Francesco Antinucci nella puntata de Il Grillo Che cos'è un ipertesto?

I contenuti possono anche rimanere sempre gli stessi quello che cambierà è il nostro modo di rapportarci con essi e soprattutto cambia una cosa fondamentale con il mondo digitale: noi abbiamo una possibilità di intervento sulle cose tramandate, sul contenuto, sui libri, sulle parole, sulle immagini, che con le culture tradizionali, non è possibile.(Antonio Caronia)

 

Anche Pieraldo Rovatti, (il Grillo, Il gioco della comunicazione) e Francesco Siliato, ( Il Grillo, A che serve Internet?) discutono sul ruolo di Internet come mezzo di trasformazione sociale. Si discute sull'effettivo valore dell'informazione disponibile in rete,  poiché Internet è un mezzo di comunicazione orizzontale e non gerarchico, in cui è facile e poco dispendioso immettere e rendere disponibili  informazioni di qualsiasi natura.  Si pone necessariamente il problema del controllo e della censura altri due temi affrontati nelle discussioni de Il Grillo. Al tema specifico del rapporto tra privacy e nuove tecnologie è dedicata  la puntata con  Stefano Rodotà, Quali sono i limiti di Internet?.

 

 In conclusione uno sguardo all'insegna della critica: quello di Paul Virilio. Lo studioso francese sottolinea la necessità di mantenere un atteggiamento riflessivo. Come l'invenzione della nave è stata contemporaneamente affiancata dalla scoperta del naufragio, anche Internet ha i suoi aspetti negativi che vanno indagati e chiariti.   Contro i facili entusiasmi, Virilio sottolinea la necessità di mantenere un atteggiamento critico, poiché la mancanza di riflessività porta a una forma di integralismo tecnologico, pericolosa come tutte le altre forme di integralismo.

 L'integralismo tecnologico 

 Nella rivoluzione informatica è l'evento che va verso l'uomo e non viceversa, e così si rischia di perdere la memoria del viaggio. La creazione di grosse banche dati potrebbe portare a un atrofizzazione della memoria viva dell'uomo. (Paul Virilio)

Siti internet sull'argomento:

Cybercultura 
Un'interessante collezione di risorse in rete sulla ricerca sociale in rete. Cybercultura.it è un portale di risorse dedicato all’analisi della Rete da una prospettiva antropologica e sociologica. Cybercultura.it è uno strumento per quanti vogliono avvicinarsi allo studio della Rete dalla prospettiva delle scienze umane e sociali.
Il blog http://www.cybercultura.it/blog/ e il sito http://www.cybercultura.it

Media/Mente
L'archivio della trasmissione Mediamente della RAI - Radio televisione italiana, ricchissimo di articoli, saggi e interviste sulla vita sociale in rete.
(http://www.mediamente.rai.it)

Resource Center for Cyberculture Studies
(http://otal.umd.edu/~rccs/)

Torna all'home page dell'EMSF